"Fra Diavolo", creatività e leggerezza nell'Opera firmata da Barberio Corsetti | VIDEO INTERVISTA :ilSicilia.it
Palermo

Al Teatro Massimo di Palermo

“Fra Diavolo”, creatività e leggerezza nell’Opera firmata da Barberio Corsetti | VIDEO INTERVISTA

di
20 Marzo 2018

Tante coincidenze uniche convergono nel debutto dell’opera “Fra Diavolo“, in coproduzione con il Teatro dell’Opera di Roma, per la regia di Giorgio Barberio Corsetti, in scena al Teatro Massimo di Palermo dal 21 al 27 marzo.

Prima volta in versione originale francese del libretto di Eugène Scribe e musica di Daniel-François-Esprit Auber per la opéra-comique  che vanta un cast quasi interamente siciliano; prima volta al Teatro Massimo e prima volta dell’utilizzo di scene realizzate con innovative stampanti 3D.

Fra Diavolo
ph © rosellina garbo

Partiamo dal cast, ne fanno parte: il tenore messinese Antonio Siragusa, che ritorna a Palermo dopo tanti anni, nei panni del brigante Fra Diavolo, che si alternerà con Giulio Pelligra, per la giovane Zerline canteranno Desirée Rancatore e Anna Maria Sarra, Lady Pamela sarà interpretata da Chiara Amarù e da Sonia Ganassi, con loro Marco Filippo Romano (Lord Cockburn), Giorgio Misseri (Lorenzo), Francesco Vultaggio (Mathéo), Paolo Orecchia (Giacomo), Giorgio Trucco (Beppo), Giuseppe Toia (Un soldato), Tommaso Caramia (Un contadino), Orchestra, Coro e Corpo di ballo del Teatro Massimo.

E se la fantasia è la firma dell’innovazione che possono contribuire a dare tutti gli artisti nei loro diversi settori, sono Barberio Corsetti per la regia, già noto al pubblico palermitano per la sua impronta moderna, insieme a Massimo Troncanetti per le scene realizzate, in polimeri di mais, con moduli prodotti con stampanti tridimensionali.

Fra Diavolo

Sono questi i tasselli, insieme ai video di Igor Renzetti, Lorenzo Bruno e Alessandra Solimene, alle coreografia di Roberto Zappalà e alle luci di Marco Giusti, a fare di un’opera con qualità di “leggerezza” un prodotto di grande creatività e innovazione.

Il personaggio di Fra Diavolo è il brigante Michele Pezza, che all’inizio dell’Ottocento derubava i viaggiatori sfuggendo ripetutamente ai soldati del Re di Napoli; la bella Zerline, figlia dell’albergatore di Terracina, il suo amato, l’ufficiale dei carabinieri Lorenzo, e i due turisti inglesi in vacanza in Italia, Milord Cockburn e Lady Pamela, vengono presi di mira dalle trame di Fra Diavolo e dei suoi complici.

Secondo il direttore Jonathan Stockhammer: Fra Diavolo viene spesso accostata alle opere buffe di Rossini e Donizetti, ma io la sento anche molto vicina alla grande musica sinfonica, a Beethoven, certo, ma anche a Bruckner“.

 

GUARDA LA VIDEO INTERVISTA IN ALTO.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.