Frana a Castelmola: il Comune dichiara lo stato di emergenza e calamità :ilSicilia.it
Messina

Intanto proseguono gli interventi sulla Sp10

Frana a Castelmola: il Comune dichiara lo stato di emergenza e calamità

di
10 Gennaio 2019

Il Comune di Castelmola ha approvato con apposita delibera del Consiglio comunale la dichiarazione dello stato di calamità ed emergenza a seguito della frana che dal 5 gennaio scorso sta interessando il borgo turistico con il relativo smottamento del costone di Cuculunazzo ed il pericolo di crollo della piazza Sant’Antonino.

“Con questo provvedimento che abbiamo esitato d’urgenza – spiega il presidente del Consiglio comunale, Massimiliano Pizzolo – abbiamo inteso formalizzare la situazione di evidente gravità determinata nel nostro territorio dai fatti di sabato scorso. Attraverso la dichiarazione di stato di calamità ed emergenza, inoltre, abbiamo rimarcato che occorre intervenire con tutti gli strumenti possibile di legge che consentano di andare in deroga alle procedure ordinarie, in modo da affrontare e risolvere quanto prima tale emergenza. E’ importante che non si spengano i riflettori su questa problematica e che l’attenzione rimanga alta sotto tutti i punti di vista. Se non ci è scappato il morto dobbiamo ringraziare Dio”.

“Al contempo – prosegue il presidente Pizzolo – si può negare che questa situazione sta mettendo in ginocchio anche le attività produttive di Castelmola perché a causa delle interdizioni previste ci saranno diversi disagi e ristrettezze: anche per questo bisognerà agire con la massima rapidità, in tempi ragionevolmente stretti, affinché tali limitazioni non si ripercuotano poi sull’economia del paese. Ci aspettiamo che ci siano interventi efficaci e risolutivi, che vadano in deroga e che lo stato di emergenza consenta di mettere immediatamente in sicurezza il fronte di frana, dando quindi anche il via all’appalto per il consolidamento della parete rocciosa“.

Massimiliano Pizzolo

Al momento sono già scattati i primi interventi, riguardanti la sicurezza per quanto concerne la viabilità in zona, e dunque la Sp10, con la Città Metropolitana che sta eseguendo dei lavori per la realizzazione di un vallo a protezione della circolazione veicolare sulla Sp10 ed al fine di evitare l’isolamento del Comune di Castelmola. In particolare andrà così a porre una protezione della sede stradale mediante la messa in opera di blocchi prefabbricati in calcestruzzo. E’ previsto, inoltre, lo smontaggio dell’asfalto della piazzola di sosta per creare una zona di raccolta su materiale arido smorzante in caso di ulteriore caduta di massi.

La Protezione Civile tiene sotto costante monitoraggio l’area interessata dalla frana e a breve inizieranno, intanto, i lavori a cura di una ditta di Catania per mettere in sicurezza la piazza Sant’Antonino. L’attesa principale, ovviamente, rimane rivolta all’iter per il finanziamento da 2 milioni di euro che la Giunta del sindaco Orlando Russo sta cercando di sbloccare insieme alla Regione Siciliana.

Il primo cittadino ha avuto rassicurazioni, in tal senso, dal governatore Nello Musumeci e mercoledì scorso ha incontrato a Palermo il direttore della struttura contro il Dissesto Idrogeologico in Sicilia, Maurizio Croce, per fare il punto su questo iter. Il presidente Musumeci ha già sollecitato il Ministero dell’Ambiente, Sergio Costa, per la convenzione e la copertura finanziaria. Il piano frane predisposto dalla Regione sul territorio siciliano prevede 21 interventi in Sicilia per complessivi 47 milioni di euro e in questo quadro rientrerà Castelmola.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.