16 gennaio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.55
caronte manchette
caronte manchette
Messina

Il governatore segue da vicino l'emergenza

Frana a Castelmola, Musumeci: “Subito i primi interventi di messa in sicurezza”

9 gennaio 2019

In attesa di una svolta definitiva sull’iter per il finanziamento da 2 milioni che occorrerà a risolvere in via definitiva l’emergenza del costone roccioso di Cuculunazzo, a Castelmola stanno per partire i primi lavori urgenti per iniziare a mettere in sicurezza la piazza Sant’Antonino a rischio crollo. La Protezione Civile ha effettuato una serie di sopralluoghi e verifiche in zona e oggi è giunta in zona anche la ditta incaricata di eseguire gli interventi più immediati, che potrebbero scattare già entro questo fine settimana.

Stiamo seguendo da vicino, in tempo reale, l’emergenza in atto a Castelmola, ho già attivato anche i contatti con il Ministero dell’Ambiente. La nostra attenzione su questa vicenda è costante e l’impegno è fattivo”, afferma il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, che nel ruolo anche di Commissario del governo nazionale contro il dissesto idrogeologico sta supportando il Comune di Castelmola per risolvere la problematica della frana ripropostasi sabato scorso nel borgo turistico.

“Il Governo regionale – spiega Musumeci – sta continuando a seguire con la massima attenzione la problematica della frana a Castelmola. In attesa della firma riguardante la convenzione per il finanziamento da quasi 2 milioni, ho già disposto l’esecuzione immediata di tutti gli accertamenti geologici urgenti e la Protezione Civile sta effettuando le verifiche e i rilievi sui luoghi propedeutiche ad avviare in tempi brevi gli opportuni interventi. Nell’arco di qualche settimana saremo in grado di mettere in sicurezza il costone ed intanto andremo a rimuovere soprattutto i massi che costituiscono pericolo incombente sul territorio e per la popolazione della zona. Ad ogni modo siamo vicini al sindaco e a tutta la comunità di Castelmola, splendido borgo che certamente è uno dei luoghi più belli della Sicilia”. “Sono in contatto con il direttore della struttura contro il Dissesto idrogeologico, Maurizio Croce – aggiunge Musumeci -, al quale ho evidenziato la necessità che venga redatto ed ultimato in fretta il progetto esecutivo per i lavori di consolidamento del costone“.

il sindaco Russo e il presidente Musumeci

Musumeci si sta muovendo in prima persona per accelerare i tempi sulle procedure per i fondi che occorrono per il costone di Cuculunazzo. L’opera è prevista all’interno del piano frane predisposto della Regione ed in attesa di essere approvato dal Ministero dell’Ambiente, che dovrà approntare la copertura finanziaria. Il piano frane prevede 21 interventi in Sicilia per complessivi 47 milioni di euro.

“Il pericolo è ancora lì – afferma il sindaco Orlando Russo – ma dopo tante amarezze e dopo la tempesta iniziamo a intravedere la quiete. Grazie al fattivo impegno del presidente della Regione, Musumeci e della Protezione Civile, con in testa il dirigente generale ing. Calogero Foti, si stanno adottando tutti quei provvedimenti essenziali per mettere in sicurezza il nostro costone roccioso e la piazza, per salvaguardare l’incolumità degli abitanti di Castelmola e dei visitatori della città. Sono già arrivati sui luoghi un geologo della Protezione Civile regionale e la ditta incaricata per i lavori di consolidamento immediato della piazza. Al contempo la Città Metropolitana di Messina sta predisponendo la costruzione di una barriera in modo tale che se dovesse esserci la caduta di altri massi gli stessi vengano bloccati senza finire sulla strada provinciale”. “Sono convinto che se non ci saranno impedimenti burocratici e se le condizioni meteo non ci creeranno problemi i primi lavori potrebbero scattare già tra giovedì e venerdì“, aggiunge il primo cittadino di Castelmola.

 

 

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

Mafia, ladruncoli, o collezionisti seriali?

Quando si sente parlare di opere trafugate, molto spesso si pensa ad un gesto occasionale, magari a cura di balordi o inconsapevoli ladruncoli, che con poca esperienza arraffano alla meglio quello che capita sotto mano.
Andiamo a quel Paese
di Valerio Bordonaro Marco Scaglione

Diario di Singapore – Seconda Parte

Opportunità di business per le aziende siciliane, sia nella grande distribuzione, sia in hotel, ristoranti e catering. A Singapore i prodotti che potrebbero avere mercato sono: i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche.