Frana a Castelmola: via libera della conferenza dei servizi ai lavori :ilSicilia.it
Messina

a ottobre le opere conclusive nel costone

Frana a Castelmola: via libera della conferenza dei servizi ai lavori

di
29 Agosto 2019

Importante accelerazione nell’iter per i lavori conclusivi di messa in sicurezza del costone di Cuculunazzo-Sotto Porta, interessato da una frana lo scorso gennaio nel territorio di Castelmola. Si è svolta a Palermo l’apposita conferenza dei servizi, che ha dato il via libera alle opere. Si tratta di andare a completare le procedure per dare avvio quanto prima ai lavori di definitiva messa in sicurezza dell’area interessata dalla frana verificatasi il 5 gennaio scorso all’altezza del costone di Cuculunazzo-Sotto Porta.

I primi lavori urgenti, d’urgenza, come si ricorderà sono già posti in essere ed ultimati nelle immediate fasi post-frana che hanno rappresentato una grave minaccia per il territorio del borgo turistico. Adesso si dovrà andare a completare quel piano di interventi con la più importante e dettagliata fase che il Comune conta di far scattare nel mese di ottobre. C’è, per altro, da fare i conti con l’ormai incombente ritorno delle piogge poi nei mesi autunnali e invernali che rappresenta un fattore di potenziale apprensione, perché ogni anno puntualmente crea danni nel fragile territorio del borgo turistico.

“A questo punto siamo vicinissimi alla svolta e dopo aver espletato la conferenza dei servizi che ha approvato il progetto, già tra 20 giorni circa potremmo andare in gara per i lavori”, afferma il sindaco Orlando Russo, che in questi mesi ha seguito in prima persona l’iter evidenziando alla Regione la necessità di affrettare i tempi per questo intervento ritenuto fondamentale a salvaguardia del territorio di Castelmola. La conferenza dei servizi si è svolta a Palermo presso l’Ufficio contro il dissesto idrogeologico della Regione, guidato dal governatore Nello Musumeci e diretto da Maurizio Croce.

Castelmola avrà a disposizione un finanziamento di 2 milioni di euro stanziato dalla Regione per il consolidamento e la messa in sicurezza definitiva del costone di Cuculunazzo, già interessato da analoghi eventi franosi nel 2013 e nel 2016, oltre che ad inizio di quest’anno, e che soltanto per circostanze miracolose e fortuite in tutte e tre le circostanze non ha visto registrarsi conseguenze a persone, residenti o passanti in zone. Diventa, quindi, adesso possibile e fattibile che i lavori vengano avviati ad ottobre, e si va verso una corsa contro il tempo, tenendo conto della fragilità del territorio castelmolese che spesso accusa immediati problemi quando arrivano le piogge. “Seguiremo da vicino l’iter e non molleremo di un millimetro perchè siamo convinti che bisogna fare in fretta e iniziare i lavori al più presto, essendo consapevoli del dissesto idrogeologico che affligge la nostra città”, ha ribadito Russo.

Al momento il Dipartimento regionale di Protezione Civile ha già fatto realizzare, a protezione di piazza Sant’Antonino, il belvedere cioè del borgo, un apposito “cuscinetto” dedito a garantire stabilità alla struttura che vede il passaggio di tanti turisti ed anche dei residenti ogni giorno. Ulteriori lavori sono stati realizzati anche dalla Città Metropolitana, a salvaguardia della pubblica incolumità per quanto riguarda la viabilità e, di conseguenza, a protezione della strada provinciale che attraversa Castelmola e rappresenta il punto di approdo e di uscita dal borgo turistica.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.