Turista causa cedimento scogliera alla Tabaccara, panico a Lampedusa :ilSicilia.it
Agrigento

Accanto all'isola dei Conigli

Turista causa cedimento scogliera alla Tabaccara, panico a Lampedusa

22 Agosto 2019

Non c’è stata una frana dalla scogliera, come si è appreso in un primo momento, ma una caduta di alcune pietre tra l’isola dei Conigli e la Tabaccara, a Lampedusa.

A rimanere leggermente ferito è stato un turista di 52 anni. A raccontare quanto avvenuto è la moglie, contattata telefonicamente: “Mio marito si è arrampicato dal mare nella scogliera per fare delle foto, ma sono caduti dei massi, lui si è spaventato, invece di scendere e salito ancora e si è procurato lievi ferite”.

L’uomo è stato aiutato a scendere dal costone roccioso dove si era arrampicato per lo spavento, dopo la caduta di pietre e terriccio, dai vigili del fuoco del distaccamento di Lampedusa. Poi è stato portato per precauzione nel poliambulatorio per accertamenti.

Era salito sulla scogliera direttamente dal mare, in quella zona con il fondale basso, per scattare delle fotografie. La notizia, ingigantita, ha creato panico tra i tanti bagnanti che si trovavano nella zona della Tabaccara e sulla vicina spiaggia dell’Isola dei Conigli, strapiena in questa stagione. I vigili del fuoco parlano di “piccolo smottamento”.

Il turista quindi non ha riportato gravi conseguenze. Intervenuti uomini di guardia costiera, vigili del fuoco e ambulanze. Panico e paura tra i molti bagnanti che hanno assistito alla scena.

L’incidente è avvenuto a metà mattinata nella parte di mare tra i più limpidi e cristallini di tutta Italia.

LA PROTEZIONE CIVILE: “Imprudenza pericolosa”

“L’incidente ha a che fare con l’imprudenza. Consigliamo sempre di evitare di avventurarsi attraverso sentieri e percorsi impervi e poco battuti affinché una vacanza non si trasformi in uno spiacevole ricordo”. Così il responsabile regionale del Dipartimento della Protezione Civile, Calogero Foti, commenta l’incidente avvenuto a Lampedusa nel quale è rimasto lievemente ferito un turista che si era arrampicato sulla scogliera della Tabaccara, a picco sul mare, rimanendo bloccato.

Durante tutte le operazioni di soccorso il responsabile regionale della Protezione Civile è stato in contatto costante con la Guardia Costiera e i vigili del fuoco, che hanno tratto in salvo l’escursionista

Il sindaco di Lampedusa Totò Martello

“Non c’è stata alcuna frana ma solo la caduta di terriccio nella parete della Tabaccara che non sovrasta la spiaggia dell’isola dei Conigli, perché una coppia si stava arrampicando e gli è scivolato il terreno sotto ai piedi. L’allarme ci ha fatto scattare ma è stato ingigantito”.
Lo dice il sindaco di Lampedusa, Totò Martello, spiegando le ragioni dell’allarme, che si è ingigantito, sull’isola. “Quattro turisti si sono avvicinati con un barchino – aggiunge – poi sono arrivati ai piedi del costone. Uno sarebbe salito, la moglie lo avrebbe cominciato a seguire mentre due ragazzi sono rimasti vicino al mare. I due che stavano salendo si sono spaventati per il terriccio che gli sfuggiva sotto ai piedi e hanno chiamato i vigili del fuoco. L’accesso all’isola dei Conigli non è mai stato chiuso”.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.