Francesca Donato (Lega): "L'Europa che vogliamo è quella delle identità" | Videointervista | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Come cambia il parlamento di strasburgo

Francesca Donato (Lega): “L’Europa che vogliamo è quella delle identità” | Videointervista

di
22 Giugno 2019

 

Guarda la videointervista in alto

Abbiamo intervistato Francesca Donato, neoeletta per la Lega alle scorse elezioni europee del 26 maggio per la circoscrizione Isole Sicilia e Sardegna. Fra i principali temi che contrassegneranno la sua attività parlamentare, c’è la battaglia per un ritorno al primato della politica sulla finanza con il baricentro puntato su un’Europa delle identità nazionali: “Ho chiesto di iscrivermi alle commissioni che si occupano di Politiche economiche monetarie, politiche agricole e sviluppo regionale. A Strasburgo siamo una delegazione numerosa e faremo parte del gruppo “Identità e democrazia”, che è contrassegnato da forze politiche che lavorano per difendere le identità e per realizzare i programmi che hanno condiviso con i cittadini”.

E aggiunge: “Se non si prende atto della necessità di un’Europa dei popoli, allora l’intera Unione europea andrà a rotoli e finirà con l’implodere. Occorre far tornare il primato della politica sulla finanza, perchè la politica, anche mettendosi d’accordo su varie tematiche, riprenda il controllo sull’economia finanziaria. Questo si può fare o facendo ritorno alle monete nazionali o facendo in modo che la Banca centrale europea agisca in coordinamento e in subordine della volontà politica espressa dalle istituzioni europee”. 

Francesca Donato da diversi anni ha avviato il cosiddetto “Progetto eurexit“, che prevede l’uscita dall’Euro per rilanciare l’economia: “Con il progetto eurexit – afferma –  abbiamo messo in risalto le criticità dell’Eurozona. La Lega oggi governa in Italia con i 5 Stelle che non vuole uscire dall’Euro, per cui in questo momento non ci sarebbero le condizioni per la fuoriuscita dall’Euro, ma quel che si può fare concretamente è affrontare un percorso di riforme dell’Ue e soprattutto del sistema di impostazione delle politiche economiche, perchè sono quelle che hanno creato più problemi per lo sviluppo dell’eurozona e soprattutto delle aree più periferiche”. 

Riguardo alla Sicilia e al ruolo della Lega nell’Isola, sottolinea come il principio che premia la politica della Lega sia quello della concretezza, dell’impegno e della responsabilità. “Con la collega Annalisa Tardino – spiega – condividiamo l’impegno di lavorare sodo per il nostro territorio e questo si tradurrà in un impegno costante sui dossier europei relativi alle tematiche che incidono maggiormente sulla Sicilia e sulla Sardegna. La classe dirigente della Lega si deve formare nell’Isola dando voce a persone giovani, motivate, preparate e che diano risposte, non in termini di strategie politiche, ma alle questioni che si trascinano da tanti anni, come l’occupazione, la deindustrializzazione, le problematiche dell’agricoltura e della pesca e tutti quegli argomenti che attendono risposte”.

Guarda la videointervista in alto

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin