Francesca Donato (Lega): "L'Europa che vogliamo è quella delle identità" | Videointervista | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Come cambia il parlamento di strasburgo

Francesca Donato (Lega): “L’Europa che vogliamo è quella delle identità” | Videointervista

22 Giugno 2019

 

Guarda la videointervista in alto

Abbiamo intervistato Francesca Donato, neoeletta per la Lega alle scorse elezioni europee del 26 maggio per la circoscrizione Isole Sicilia e Sardegna. Fra i principali temi che contrassegneranno la sua attività parlamentare, c’è la battaglia per un ritorno al primato della politica sulla finanza con il baricentro puntato su un’Europa delle identità nazionali: “Ho chiesto di iscrivermi alle commissioni che si occupano di Politiche economiche monetarie, politiche agricole e sviluppo regionale. A Strasburgo siamo una delegazione numerosa e faremo parte del gruppo “Identità e democrazia”, che è contrassegnato da forze politiche che lavorano per difendere le identità e per realizzare i programmi che hanno condiviso con i cittadini”.

E aggiunge: “Se non si prende atto della necessità di un’Europa dei popoli, allora l’intera Unione europea andrà a rotoli e finirà con l’implodere. Occorre far tornare il primato della politica sulla finanza, perchè la politica, anche mettendosi d’accordo su varie tematiche, riprenda il controllo sull’economia finanziaria. Questo si può fare o facendo ritorno alle monete nazionali o facendo in modo che la Banca centrale europea agisca in coordinamento e in subordine della volontà politica espressa dalle istituzioni europee”. 

Francesca Donato da diversi anni ha avviato il cosiddetto “Progetto eurexit“, che prevede l’uscita dall’Euro per rilanciare l’economia: “Con il progetto eurexit – afferma –  abbiamo messo in risalto le criticità dell’Eurozona. La Lega oggi governa in Italia con i 5 Stelle che non vuole uscire dall’Euro, per cui in questo momento non ci sarebbero le condizioni per la fuoriuscita dall’Euro, ma quel che si può fare concretamente è affrontare un percorso di riforme dell’Ue e soprattutto del sistema di impostazione delle politiche economiche, perchè sono quelle che hanno creato più problemi per lo sviluppo dell’eurozona e soprattutto delle aree più periferiche”. 

Riguardo alla Sicilia e al ruolo della Lega nell’Isola, sottolinea come il principio che premia la politica della Lega sia quello della concretezza, dell’impegno e della responsabilità. “Con la collega Annalisa Tardino – spiega – condividiamo l’impegno di lavorare sodo per il nostro territorio e questo si tradurrà in un impegno costante sui dossier europei relativi alle tematiche che incidono maggiormente sulla Sicilia e sulla Sardegna. La classe dirigente della Lega si deve formare nell’Isola dando voce a persone giovani, motivate, preparate e che diano risposte, non in termini di strategie politiche, ma alle questioni che si trascinano da tanti anni, come l’occupazione, la deindustrializzazione, le problematiche dell’agricoltura e della pesca e tutti quegli argomenti che attendono risposte”.

Guarda la videointervista in alto

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.