13 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.29
Palermo

per un progetto che ha coinvolto gli studenti

Francesco Guccini ai nostri microfoni: “La Sicilia è terra generosa” | Video interviste

10 Maggio 2019

Guarda le video interviste in alto 

Per il progetto “Il Conservatorio interpreta Guccini” il cantautore e poeta Francesco Guccini sarà ospite questo weekend del capoluogo siciliano per una serie di incontri con allievi e docenti.

Il progetto, curato dalla Scuola di composizione del Conservatorio “Alessandro Scarlatti”, coordinato da Marco Betta e Fabio Correnti, ha coinvolto la Scuola Jazz, l’Orchestra a plettro, la Balarm Sax Orchestra, l’Ensemble di musica contemporanea e il Coro di voci bianche dell’Istituto con la partecipazione di Salvo Piparo e del puparo Nicola Argento.

Gli studenti del Conservatorio, che hanno aderito al progetto, sono stati guidati nel nuovo arrangiamento o in nuove composizioni a partire dalle musiche e dai testi di Guccini che presenzierà, sabato 11 maggio alle ore 11, al concerto che eseguiranno in suo onore.

Guccini Conservatorio
Francesco Guccini

Da grande non volevo fare il cantautore ma lo scrittore – ha detto alla stampa Guccini – ma per una serie di circostanze ho iniziato a comporre musica e canzoni e, dal primo album che è stato un insuccesso, poi è cambiato tutto. Non mi sento responsabile di chi ascolta le mie canzoni, io scrivo per me non per gli altri e posso dire che per ogni mia canzone l’ispirazione è sempre arrivata da una donna”.

Ricorda con grande piacere Guccini il primo passaggio in Sicilia: “Il mio primo concerto in Sicilia fu nel ’78 a Bagheria, da lì poi ci spostammo a Siracusa e poi nella splendida Taormina; sono ritornato altre volte da allora e devo dire che la Sicilia è una terra generosa , calda e piena di amicizia“.

Non solo cantautore ma anche scrittore, declinazione artistica a cui tiene molto Guccini: “Ho scritto otto gialli finora e a settembre – ci dice nella video intervista – uscirà il mio ultimo libro che non ha ancora un titolo ma è pronto”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
LiberiNobili
di Laura Valenti

Donne che amano troppo

Le vie della dipendenza relazionale sono da rintracciare nell’infanzia perché si è stati emotivamente deprivati di tutte quelle conferme necessarie a una buona e sana crescita del sé e per via dei condizionamenti socioculturali e religiosi che portano a essere maledettamente insicuri e dipendenti nella relazione con il proprio partner.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.