Francesco Raimondo: "La Botanica è scienza viva in continua evoluzione" | VIDEO Intervista :ilSicilia.it
Palermo

tra gli obiettivi la realizzazione di un erbario

Francesco Raimondo: “La Botanica è scienza viva in continua evoluzione” | VIDEO Intervista

21 Novembre 2019

Guarda la video intervista in alto

Francesco Maria Raimondo, fino a pochi anni fa ordinario di Botanica presso la Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell’Università degli Studi di Palermo, è stato riconfermato, per la terza volta, alla residenza dell’Optima (Organization for the Phyto-taxonomic Investigation in the Mediterranean Area).

Da sempre Raimondo è dedito alla ricerca e all’esplorazione di ogni angolo della Sicilia e non solo, come ci dice nella video intervista, per catalogare e “fissare nel tempo” il maggior numero di specie botaniche.

Questa attività, grazie anche al progredire scientifico, ha portato alla scoperta di nuove specie, mai catalogate, e condivise per la prima con il comparto scientifico internazionale.

L’obiettivo di questa raccolta – continua Raimondo nella video intervista – è creare, prima possibile, un erbario a Palermo o comunque in Sicilia, luogo eccezionale nel Mediterraneo. Qui si contano, infatti, migliaia e migliaia di famiglie, e sottospecie, botaniche che superano di gran lunga la media degli altri paesi del bacino.

L’organizzazione in dettaglio

Francesco Maria Raimondo

Optima, nella fattispecie, è una organizzazione internazionale di botanici che si prefigge l’esplorazione fito-geografica e fito-tassonomica sin dal 1974.

Al momento il progetto dell’erbario è accantonato: “È difficile comprendere l’importanza di una struttura simile, che permette di avere una rappresentazione geografica di specie affini e di tenere conto della variazioni specifica e di altre caratteristiche”.

La regione mediterranea ospita circa 25.000 specie di piante, di queste il 50% sono endemiche, ovvero non stanno al di fuori del bacino del Mediterraneo: ne deriva che la Sicilia, ospitandone 3.500, è uno dei luoghi più eccezionali del bacino.

L’essiccato, ovvero il reperto che dura nei secoli, che lo stesso Raimondo realizza con la pressa, permette di ritornare a studiare un caso anche a distanza di secoli; come è accaduto per un specie rintracciata sulle Madonie.

La botanica, considerata la Cenerentola delle scienze, è materia viva – continua Raimondo – che si rinnova e che porta sempre nuove conoscenze. Mi duole dire che si ha più consapevolezza della sua importanza al di fuori dell’Accademia che non all’interno”.

Tra i progetti in cantiere di Optima, infine, oltre alle due pubblicazioni scientifiche che da prassi si pubblicano ogni anno, anche una serie di nuove esplorazioni e ricerche.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.