Franco Fazzio a ilSicilia.it: "Con il restauro si può riscrivere la storia" | Video intervista :ilSicilia.it
Palermo

Alla scoperta di Palazzo Galletti Santamarina

Franco Fazzio a ilSicilia.it: “Con il restauro si può riscrivere la storia” | Video intervista

di
7 Marzo 2019

Guarda la video intervista in alto 

Il restauro come azione che porta alla rinascita di un’opera, di diverso genere, e alla scoperta di nuovi elementi che possano riscrivere la storia anche dopo secoli di oblio. Abbiamo incontrato a tal proposito uno dei più stimati e apprezzati professionisti del settore a Palermo, Franco Fazzio, in questo momento occupato in un’altra grande opera di rivalutazione architettonico-artistica.

Franco Fazzio
Franco Fazzio

Fazzio, nella video intervista, ci conduce alla scoperta di uno dei più antichi edifici storici della città, Palazzo Galletti Santamarina, al centro di un imponente recupero.

Le origini dell’immobile, come ci dice Fazzio, risalirebbero al Trecento, momento in cui si ha la prima testimonianza di una casa gentilizia edificata sul tratto settentrionale delle antiche mura del Cassaro per volontà di un esponente della nobile famiglia dei Crispo, probabilmente Rinaldo, che fu baiulo, ovvero ambasciatore, di Palermo in quel periodo.

Secondo testimonianze scritte dell’epoca, rinvenute intatte, il privilegio di costruire sulle mura del Cassaro era appannaggio solo di potenti casati e influenti ordini religiosi.

E certamente potente era, tra XIV e XVI secolo, la famiglia dei Crispo che tra i suoi esponenti annoverò un Federico pretore (1384-85), un Tommaso con la stessa carica (1399-1400), un Rinaldo capitano di giustizia di Palermo (1480-81) e forse egli stesso anche giurato.

E poi ancora un Giovanni fu secreto di Palermo nel 1479 e un altro Rinaldo senatore di Palermo negli anni 1572-73. Ma la storia del Palazzo si estende, in diverse opere, fino all’inizio dell’800.

Tanti i tasselli che, nella rilettura architettonica dell’edificio, sostanziano la storia nobiliare e che, grazie all’odierno restauro, stanno ritornando alla luce insieme ad opere d’arte inaspettate.

Oltre infatti allo stemma familiare, alle travi decorate, al soffitto a cassettoni e al prospetto, che custodisce intatte le sovrapposizioni architettoniche susseguitesi, sono state rinvenute, inaspettatamente, due opere pittoriche importantissime.

palazzo Galletti

La prima, come spiega Fazzio, è un rarissimo esempio di trompe l’oeil di fine ‘700, realizzato in un muro esterno (ne esiste oltre questo solamente un’altro in città), anch’esso restaurato secondo i dettami moderni che non prevedono una ricostruzione integrale, che ne inficerebbe la veridicità storica.

L’altra è un affresco di fine ‘400, una Madonna allattante, probabilmente realizzato da un artista non siciliano ma toscano, date le origini pisane della Famiglia Galletti.

palazzo Galletti

Dopo il consolidamento dell’opera, continua Fazzio, il restauro permetterà di rintracciare ulteriori dettagli fondamentali per inquadrare il periodo storico e le tecniche manifatturiere impiegate, legate alla scelta dei colori e anche ai soggetti ritratti.

Il restauro coniuga i due aspetti fondamentali della rinascita di un’opera ma permette, a volte, di riportare alla luce frammenti di storia che rischiano di perdersi; è sempre una grade emozione“.

Usciti da Palazzo Galletti Santamarina abbiamo capito perché Franco Fazzio dal 1983, anno del suo primo incarico, non ha più lasciato Palermo, città ricchissima di opere eccezionali in grado ancora di svelare nuovi e sorprendenti tesori.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin