Fratelli d'Italia a Bagheria per elezione diretta Capo dello Stato, abolizione senatori a vita e clausola di supremazia :ilSicilia.it
Palermo

il fatto

Fratelli d’Italia a Bagheria per elezione diretta Capo dello Stato, abolizione senatori a vita e clausola di supremazia

di
12 Giugno 2021

Dopo la fase acuta della Pandemia Fratelli d’Italia torna sul territorio con presidi in diversi comuni della provincia. L’iniziativa nasce in linea con la campagna tesseramenti nazionale ed è promossa dal coordinamento provinciale del partito, guidato da Raoul Russo.

Domani, domenica 13 giugno, dalle 17 alle 19, i militanti organizzeranno un banchetto in corso Umberto I, a Bagheria (nei pressi del palazzo Alfano), per invitare elettori e simpatizzanti a sottoscrivere battaglie come quella per l’elezione diretta del Capo dello Stato, per l’abolizione dei senatori a vita, per l’inserimento di un tetto per le tasse in Costituzione e per l’istituzione di una clausola di supremazia, così da far prevalere l’ordinamento italiano su quello europeo. Si potrà anche approfittare dell’iniziativa per iscriversi al partito guidato da Giorgia Meloni.

Inizia una massiccia campagna adesioni in provincia di Palermo. E’il momento in cui Fratelli d’italia chiama a raccolta tutti i cittadini che si riconoscono nei valori del progetto di Giorgia Meloni. Chiunque desideri schierarsi con la destra dei Patrioti, per un nuovo governo dell’Italia, non ha più nessun motivo per non farlo adesso“, dice Raoul Russo Un’iniziativa gemella verrà replicata anche a Santa Flavia.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin