Fratelli d'Italia attacca Daverio: "Offende la Sicilia, prima chiarisca il suo conflitto d'interessi" :ilSicilia.it

TIENE BANCO LA QUESTIONE BORGO DEI BORGHI

Fratelli d’Italia attacca Daverio: “Offende la Sicilia, prima chiarisca il suo conflitto d’interessi”

28 Ottobre 2019

I parlamentari di Fratelli d’Italia Carolina Varchi, capogruppo in commissione Giustizia, e Federico Mollicone, componente della commissione di Vigilanza Rai, attaccano Philippe Daverio per le sue dichiarazioni inappropriate sulla Sicilia.

Philippe Daverio ha assunto un comportamento offensivo nei confronti della Sicilia e dei suoi cittadini. Abbiamo presentato degli atti di sindacato ispettivo, un’interrogazione e un quesito in Vigilanza Rai, per verificare i requisiti regolamentari delle votazioni che hanno portato Bobbio ai “Borghi d’Italia” e l’evidente conflitto d’interessi fra il ruolo di Daverio come cittadino onorario e quello di presidente della giuria. Infine, chiediamo la censura dei commenti pronunciati, soliti luoghi comuni verso i Siciliani. Daverio si scusi con la Sicilia.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.