Fratelli d'Italia chiama a raccolta i suoi sabato 29 a Isola delle Femmine | ilSicilia.it :ilSicilia.it

incontro con iscritti e simpatizzanti

Fratelli d’Italia chiama a raccolta i suoi sabato 29 a Isola delle Femmine

28 Giugno 2019

Ritornare alla partecipazione politica, ascoltare il territorio e andare oltre i partiti liquidi. Fratelli d’Italia, dopo il grande successo alle recenti elezioni europee, chiama a raccolta amministratori e simpatizzanti del partito, per l’incontro che si terrà sabato 29 giugno, dalle 10 alle 18, all’Hotel Saracen di Isola delle Femmine.

“Le elezioni del 4 marzo dell’anno scorso, il travagliato inizio della XVIII legislatura, l’anomala alleanza di governo tra due forze diametralmente opposte quali la Lega ed il Movimento 5 Stelle ha di fatto aperto la stagione della Terza Repubblica – spiega Carolina Varchi – . E’ una nuova stagione per la frattura con il quadro politico visto tra il 1994 ed il 2018, registriamo nuovi equilibri tra le forze politiche e, soprattutto, c’è una profonda mutazione visibile nella forma–partito. Fratelli d’Italia vuole tornare al radicamento territoriale che passa dalla rigenerazione della forma partito in chiave contemporanea, moderna e al passo dei nostri tempi”, conclude Carolina Varchi.

“Dobbiamo ripensare ad una rigenerazione, in chiave contemporanea, per una nuova stagione all’insegna della partecipazione e del radicamento territoriale. Per la destra, rappresentata da Fratelli d’Italia, è una scelta obbligata per differenziarsi dalla Lega ed iniziare a ridurre il pesante gap elettorale”, spiega Francesco Scarpinato, capogruppo di Fratelli d’Italia in consiglio comunale a Palermo.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.