Fridays for future, "Greta boys" in piazza ma anche in coda al McDonald's | ilSicilia.it :ilSicilia.it

attimi di tensione per uno scontro fra studenti di destra e di sinistra

Fridays for future, “Greta boys” in piazza ma anche in coda al McDonald’s

di
27 Settembre 2019

Il movimento dei giovani per il clima Fridays For Future, ispirato da Greta Thunberg, torna in piazza in 160 città italiane, per il terzo Sciopero globale del clima, dopo quelli del 15 marzo e del 24 maggio. Nel centro di molte città si sono svolti cortei. Per l’Udu, la rete degli studenti medi, sarebbero scesi in piazza oltre un milione di giovani, anche se i numeri sembrano molto ridotti rispetto a questo dato.

Friday for future studenti in piazza a PalermoA Palermo qualche migliaio di studenti e loro professori hanno sfilato alla manifestazione. Qualche attimo di tensione alla partenza da piazza Castelnuovo per una scaramuccia scoppiata fra un gruppo di studenti del Nautico e del Maiorana, arrivati insieme a militanti di organizzazioni di destra radicale, e giovani vicini ai centri sociali, soprattutto l’Anomalia, che si trovavano in testa al corteo. Sarebbe volato qualche ceffone e per un attimo si è temuto il peggio con i poliziotti schierati in tenuta antisommossa, ma poi tutto è filato liscio e il corteo è proseguito lungo via Ruggiero Settimo.

Ma forse, ancora più interessante è che, in quegli stessi momenti, tantissimi giovani hanno affollato il McDonald’s della vicina piazza Castelnuovo, letteralmente invaso da ragazzini colorati di verde, alcuni con le facce dipinte, in coda non per il clima, ma per mangiare hamburger. Il tutto, mentre il McDonald’s è responsabile di emissioni di gas serra e nella sua rete di ristoranti in giro per il mondo e ha sì previsto di ridurle del 36 per cento, ma entro il 2030. Per non parlare dell’uso della plastica nella sua catena, anche per i gadget distribuiti ai clienti, contro cui in passato sono state organizzate anche proteste.

E sempre a Palermo, nelle scorse ore proprio in vista dello“sciopero internazionale per il clima” i volontari di Greenpeace hanno svolto un’attività di sensibilizzazione davanti ad alcuni fast food della città con l’obiettivo di mostrare il legame fra gli incendi in Amazzonia e la produzione industriale di carne e mangimi come la soia.

Friday for future studenti in piazza a Palermo, climaTornando al corteo palermitano, dietro allo striscione “Cambiamo il Sistema non il Clima” ha manifestato un folto spezzone di studenti degli istituti Umberto I,  Ninnì Cassarà, Benedetto Croce, convitto Falcone, Almeyda, Ferrara, Vittorio Emanuele II, Vittorio Emanuele III, Garibaldi e Einstein: “a Palermo noi studenti abbiamo ritenuto necessario far sentire la nostra voce,  riaffermare e rivendicare la volontà di decidere del nostro presente e del nostro futuro. Vogliamo poter immaginare il nostro futuro nella nostra terra libero dalla nocività che il capitalismo produce e per renderlo realtà bisogna impegnarsi e organizzarsi per attuare tutte le misure possibili e necessarie per smantellare il sistema produttivo attuale”, dice Ludovica Di Prima, studentessa del Liceo Umberto I.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin