Frode fiscale e false fatture per 2 milioni di euro, sequestro a imprenditore di Messina :ilSicilia.it
Messina

operazione della Gdf

Frode fiscale e false fatture per 2 milioni di euro, sequestro a imprenditore di Messina

di
4 Dicembre 2020

Una frode fiscale per oltre due milioni di euro è stata scoperta dai finanzieri del Comando provinciale di Messina, che hanno dato esecuzione a un decreto di sequestro preventivo per 205mila euro ai danni di un noto imprenditore di Messina.

Il provvedimento è stato emesso dal gip della città dello Stretto su proposta della locale Procura. Gli accertamenti degli specialisti del nucleo di Polizia economico-finanziaria di Messina su una società attiva nel settore delle pulizie, con importanti appalti in ambito nazionale, hanno consentito di acquisire “significativi e convergenti elementi indiziari” su una frode fiscale messa a segno da tre società, tutte con sede a Messina, appartenenti allo stesso gruppo imprenditoriale e riferibili a un 52enne.

“Una puntuale e approfondita analisi della documentazione amministrativo-contabile, acquisita nei confronti della società di pulizie, poi risultata utilizzatrice delle fatture false, incrociata con i connessi flussi finanziari e con le risultanze di paralleli approfonditi controlli incrociati effettuati presso i restanti due soggetti giuridici – spiegano le Fiamme gialle -, consentiva,  di leggere in maniera unitaria il complesso schema ideato, finalizzato, per un verso, a evitare il pagamento dell’imposta sul valore aggiunto dovuta e, per altro verso, a costituirsi un credito inesistente”.

Secondo l’accusa partendo dal ricorso a presunti accolli di operazioni finanziarie, “l’illecito schema prevedeva l’emissione – oltre l’anno di riferimento dell’operazione originaria – di distinte successive note di credito, con il fine di celare la fittizietà delle genetiche transazioni”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin