Frode fiscale in hotel: mezzo milione di euro sequestrato a quattro albergatori :ilSicilia.it

IL FATTO

Frode fiscale in hotel: mezzo milione di euro sequestrato a quattro albergatori

di
27 Luglio 2021

Avevano messo in piedi un sistema per evadere il fisco e dirottare denaro all’estero tramite una società fittizia a Cipro, ma per quattro imprenditori nel settore alberghiero, indagati per frode fiscale, è scattato un sequestro di beni e conti correnti per 580 mila euro.

Si tratta dell’operazione ‘Afrodite’ condotta dalla guardia di finanza di Piombino e coordinata dalla procura di Livorno. Nell’indagine, in base a quanto ricostruito dagli investigatori, è emerso che gli imprenditori indagati, negli anni, avrebbero indebitamente sottratto liquidità dalla loro società, una società di San Vincenzo (Livorno) che gestisce alberghi a Bibbona, Vagli di Sotto (Lucca), Fucecchio (Firenze) e a Casalpusterlengo (Lodi), utilizzando fatture false e gonfiando le buste paga, ossia intascandone i pagamenti formalmente effettuati a Cipro, ma, nella realtà, mai avvenuti. Denari così sottratti al patrimonio societario che sarebbero stati dirottati verso una seconda impresa cipriota completamente fittizia, controllata dagli stessi indagati.

I principali introiti della srl gestita dagli indagati provenivano da un residence di Piombino. Proprio per celare al Fisco questa fetta di guadagni sarebbe stato ideato il trasferimento di liquidità verso la società cipriota fittizia, costituita ‘ad hoc’. In particolare, in forza di un falso accordo di agenzia relativo a generiche prestazioni di consulenza e marketing nel settore turistico, del tutto non documentate e scollegate dal reale andamento del fatturato aziendale, spiegano i finanzieri, sarebbero state ingiustificatamente inviate alla partner cipriota provvigioni di importo pari al 35% del fatturato annuo della srl italiana, a fronte di attività di consulenza delle quali le fiamme gialle non hanno mai trovato traccia. I sequestri patrimoniali hanno interessato diversi conti e quote di fondi presso filiali bancarie per lo più siciliane e toscane, una villetta nel bresciano e tre veicoli, due a Trapani e uno a Cecina, tra cui un’auto d’epoca.

Alle attività delle fiamme gialle piombinesi hanno collaborato diversi altri reparti della guardia di finanza sia lombardi (di Milano, Lodi e Brescia), sia di Viareggio, che di Trapani.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin