Frosinone, il Palermo presenta riserva e prepara ricorso contro le numerose irregolarità della partita | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Una gara viziata

Frosinone, il Palermo presenta riserva e prepara ricorso contro le numerose irregolarità della partita

di
17 Giugno 2018

Il Frosinone ha battuto i rosanero e ha conquistato la Serie A sul campo ma potrebbe non essere proprio finita così. Maurizio Zamparini, patron del club rosanero, è furente nel post partita e visto come sono andate le cose e le scorrettezze viste in campo, ha deciso di presentare ricorso con riserva scritta, in considerazione che il match non è stato giocato per tutto il tempo di recupero previsto (e sempre che l’arbitro abbia fischiato visto che potrebbe non avere mai fischiato). Il fischio finale dell’arbitro è arrivato almeno 60 secondi e 10 prima del dovuto (infatti il direttore di gara La Penna aveva concesso 5 minuti di recupero, più altri 2 in seguito a perdite di tempo che in realtà non sono mai stati giocati tutti).

Dopo il gol del 2-0 del Frosinone sul Palermo, giunto al 96′, c’è stata un’invasione di campo. I giocatore rosanero giurano di non aver sentito nemmeno i tre fischi di La Penna. Che forse, infatti, non sono arrivati e proprio per questo, gara da considerare interrotta per invasione di campo e di fatto terminata un minuto e 10 secondi prima di quando sarebbe dovuta finire. Il Palermo anche per questo ha già presentato ricorso.

Ed in più la stranezza di giocare con 4 palloni in campo – Non solo il termine anticipato, ma anche il lancio di palloni da parte dei calciatori del Frosinone o di addetti allo stadio che hanno lanciato i palloni alla curva nord, in modo che i tifosi buttassero le palle in campo per perdere tempo e bloccare gli attacchi del Palermo che stava spingendo alla ricerca del gol del pari. Comportamento antisportivo all’interno di una sfida molto nervosa sin dal principio. Sfida che rischia di non essere finita qui. Ed in arrivo per i ciociari dopo la riserva non solo il ricorso sulla partita col Frosinone, ma anche l’idea di querelare Longo che, nel post partita, ai microfoni di Sky, a sorpresa ha messo in dubbio la solidità finanziaria del Palermo.

Ed è lo stesso Giovanni Giammarva, Presidente del Palermo, a spiegare che verrà presentata dal Palermo una richiesta di riserva contro l’omologazione del risultat0, seguita da un ricorso che faranno i rosanero dopo questa finale col Frosinone. Ecco le sue parole a Sky sport: “Abbiamo preparato la riserva verso l’omologazione del risultato e successivamente presenteremo ricorso. Gli argomenti del ricorso saranno resi noti successivamente e saranno esposti nelle sedi opportune. Ci hanno colpito – prosegue – le parole dell’allenatore del Frosinone Moreno Longo che ha messo in dubbio i bilanci della Società. Questo è un argomento che non avrebbe dovuto mai trattare, in quanto la solidità patrimoniale della Società è stata certificata dalla massima autorità giudiziaria. Ognuno deve fare il proprio lavoro, senza fare altre considerazioni inopportune. Vedremo se, come Società, adire alle vie legali. È un pensiero che ho adesso e che approfondirò bene. Longo ha detto delle cose che sono fuori dall’area sportiva, è stata veramente una caduta stile e faremo le nostre riflessioni. C’è la volontà di voler difendere la Società da certe aggressioni”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per