24 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.17

Coni fissa data ricorso vediamo dove arriveranno ... respinta proposta Lega Pro

Frosinone-Palermo, “La storia infinita” fissata data per ricorso al Coni

20 Dicembre 2018

Continua la “barzelletta” della vicenda che riguarda la partita Frosinone-Palermo del 16 giugno, gara di ritorno dei play off di Serie B s.s. 2017/2018, viene comunicato che è stata convocata la prossima sessione di udienze a sezioni unite del Collegio di Garanzia dello Sport presieduto da Franco Frattini.

Si discuterà il prossimo 18 gennaio alle 12 il ricorso presentato dal Palermo contro Figc, Lega di A e B e Frosinone sui fatti della finale di ritorno dei play-off e sulle “non” decisioni assunte fino ad ora che come sosteniamo noi e la maggioranza di tifosi anche non rosanero che in questi mesi hanno anche loro manifestato solidarietà al Palermo e riprovazione per le ribadiamo “non” decisioni prese dagli organi competenti  e la “non” applicazione delle norme federali , come peraraltro aveva sollecitato proprio il Coni rimandando indietro la decisione allla Figc chiedendo di applicare perne adeguate ai fatti e quindi l’art.17 ma poi disattesa dai giudici federali e finita con la “ridicola” ulteriore sanzione dell’ammenda di € 25.000,00 alla società Frosinone Calcio.

Ma giusto per onore alla Giustizia fino alla Corte dell’Aia il Palermo deve arrivare vediamo dove si fermerà l’Ingiustizia e tornerà di casa la Giustizia che fino ad ora hanno assassinato.

Di seguito il testo del ricorso dei rosanero:

“Ricorso presentato dalla società U.S. Città di Palermo S.p.A. contro la società Frosinone Calcio S.r.l., la Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC) e nei confronti della Lega Nazionale Professionisti Serie B (LNPB) e della Lega Nazionale Professionisti Serie A (LNPA) per la riforma e/o l’annullamento della decisione della Corte Sportiva d’Appello della FIGC, Sez. I, emessa a mezzo C.U. n. 050/CSA del 9 novembre 2018 (dispositivo) e n. 055/CSA, pubblicato il successivo 16 novembre (motivazioni), con cui, in sede di rinvio, in seguito alla pronuncia del Collegio di Garanzia nel giudizio per i fatti inerenti alla partita Frosinone-Palermo del 16 giugno u.s., gara di ritorno dei play off di Serie B s.s. 2017/2018, la medesima Corte ha rigettato l’istanza dell’U.S. Città di Palermo di esclusione dal giudizio della FIGC ed ha inflitto alla società Frosinone Calcio l’ulteriore sanzione dell’ammenda di € 25.000,00“.

Intanto le Leghe di A e B non hanno accolto la proposta della Lega Pro di riportare il format a 20 squadre ed in mancanza di un accordo sarà ripristinata la formula precedente.

Il comunicato dell’ex commissario Fabbricini stabiliva la composizione della B a 19 squadre per il solo campionato 2018-2019.

A questo punto la B resterà 22 e il prossimo Consiglio Federale, in programma il 31 gennaio, definirà i nuovi criteri per i ripescaggi (in  B dovranno essere 3 per arrivare a 22 squadre).

Tutto il caos estivo è servito solo a far slittare di un anno i ripescaggi, il 31 gennaio le nuove regole.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.