Fucili e pistole con matricole abrase in casa: arrestato un pregiudicato nel Catanese :ilSicilia.it
Catania

arsenale clandestino

Fucili e pistole con matricole abrase in casa: arrestato un pregiudicato nel Catanese

di
3 Agosto 2020

A coronamento di una precisa e scrupolosa attività info-investigativa, agenti del Commissariato di Adrano (CT) hanno arrestato, lo scorso 2 agosto, il pregiudicato adranita Diolosa Giuseppe classe 1954, responsabile di detenzione di armi clandestine e di munizionamento.

Gli agenti hanno fatto irruzione nell’abitazione dell’uomo, allo scopo di effettuare una perquisizione domiciliare che confermasse le risultanze investigative, in contrada Solicchiata, ritrovando un mini arsenale nascosto in vani ricavati nel sottotetto e nel soppalco dell’abitazione dell’uomo: una doppietta calibro 16 a canne mozze, una pistola calibro 7.65 e una rivoltella calibro 6, insieme a numerose cartucce di vario calibro.

Assume particolare importanza per le indagini il fatto che tutte le armi avevano la matricola abrasa, quindi erano clandestine e appositamente rese irriconducibili a un eventuale proprietario o possessore.

Tutto il materiale detenuto è stato sottoposto a sequestro penale e messo a disposizione dell’A.G. per l’ulteriore corso investigativo; per il DIOLOSA è stato formalizzato l’arresto: il P.M. di turno ha stabilito che venisse rinchiuso nella Casa Circondariale di Catania – Piazza Lanza, in attesa della convalida.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.