Fuga di migranti dal centro d'accoglienza di Messina, De Luca: "Pronto ad occupare la struttura" :ilSicilia.it
Messina

PIANIFICATO LO SGOMBERO DEL CPA DI PORTO EMPEDOCLE

Fuga di migranti dal centro d’accoglienza di Messina, De Luca: “Pronto ad occupare la struttura”

di
3 Agosto 2020

Fuga di migranti dal centro di accoglienza di Bisconte a Messina.

Stamani cinque dei trenta profughi arrivati sono riusciti ad allontanarsi, ma uno è già stato bloccato dalle Forze dell’ordine nel giardino di una casa vicina alla struttura. Gli altri quattro sono ancora ricercati. Lo conferma la polizia di Messina.

Intanto, il primo cittadino del capoluogo peloritano Cateno De Luca, appresa la notizia, ha commentato:”se entro questa settimana il Ministero degli Interni non procederà alla chiusura di questa struttura abusiva ed inadeguata, lunedì 10 agosto occuperò l’entrata principale con la popolazione di Cataratti Bisconte ormai stanca di vivere nel terrore“.

PIANIFICATO LO SGOMBERO DEL CPA DI PORTO EMPEDOCLE

Dopo l’ennesima fuga di migranti, i 370 ospiti della tensostruttura di Porto Empedocle (Ag), verranno trasferiti in altra sede nella giornata di domani.

Lo ha deciso la Prefettura di Agrigento che sta cercando posti disponibili fra i vari centri d’accoglienza della Sicilia. L’ipotesi è che vengano trasferiti a Caltanissetta.

Dopo gli allontanamenti di stanotte e stamattina, “le forze dell’ordine sono riuscite a rintracciare, e qualcuno è tornato indietro spontaneamente, almeno la metà dei fuggitivi “. A renderlo noto è stato il sindaco di Porto Empedocle, Ida Carmina.

All’appello ne mancherebbero poco meno di 25. Polizia, carabinieri e guardia di finanza stanno continuando il rastrellamento del territorio circostante e i migranti rintracciati vengono riportati nella tenda della Protezione civile.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.