Fulmine a ciel sereno in casa Capo d'Orlando, il DS Sindoni lascia il club :ilSicilia.it
Messina

è stato dirigente dei paladini dal 2011

Fulmine a ciel sereno in casa Capo d’Orlando, il DS Sindoni lascia il club

di
9 Aprile 2020

Fulmine a ciel sereno in casa Benfapp Capo d’Orlando: Peppe Sindoni lascia il club. A comunicare la decisione è l’ormai ex direttore sportivo dei paladini.

LE SUE PAROLE DI ADDIO

“Vivi credendo che certi momenti non arriveranno mai. E invece arrivano. Dalla prossima stagione non sarò più il direttore sportivo dell’Orlandina basket“.

Un addio importante quello del dirigente della formazione di Serie A2. Sindoni ha condiviso un lungo percorso professionale con il club siciliano. Una strada intrapresa in prima persona, ma anche con la sua famiglia: suo padre Enzo, è infatti il patron del club orlandino.

Quando decido di sposare una causa – dice Sindoni – lo faccio con tutto ciò che ho dentro. Ai limiti dell’ossessività. La ricerca della perfezione anche a costo di consumare me stesso: il mio mantra. Io non ho scelto di essere così. Io sono così. Ho pianto dalla gioia e raggiunto risultati che sembravano impossibili“.

Nella scorsa stagione è stato capace di portare al PalaFantozzi giocatori importanti come Brandon Triche e Jordan Parks, sfiorando la promozione in A1 nella finale dei play-off contro Treviso.

Poi sono arrivate le difficoltà della stagione corrente, con diversi cambi nel roster che non hanno dato gli effetti sperati. A ciò va aggiunta la sequela di infortuni che ha privato coach Marco Sodini di uomini importanti nei frangenti catartici della stagione, con i risultati che tutti conosciamo: terz’ultimo posto in classifica e soli 16 punti portati a casa durante la regular season.

Grazie a mio padre – continua Sindoni – per avermi dato la più grande opportunità della mia vita quando ero ancora un semplice ragazzino innamorato del gioco. Grazie alla mia famiglia per avermi supportato nei momenti difficili ed aver convissuto con i miei alti e bassi. Oggi ai miei colori devo rispetto. So di funzionare solo quando testa e cuore sono allineati. Quando gli occhi brillano. E lo spirito pure. Non lascio per un’alternativa. Lascio perché sono certo che si tratti della decisione giusta per me e per il club“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Moderati per sopravvivere

Si torna a parlare di un partito dei “moderati” che - come ci informa Belzebù nell’articolo di questi giorni - dovrebbe mettere insieme i cespugli della politica italiana: Italia Viva di Matteo Renzi, Azione di Carlo Calenda, Più Europa di Emma Bonino e Forza  Italia o almeno una sua parte. Un’adesione che finora, però, è più una speranza che una certezza
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.