Funerale fratello del boss a Messina, Antoci: "Fatto gravissimo" :ilSicilia.it
Messina

"inaccettabili gli attacchi ai giornalisti dai parenti"

Funerale fratello del boss a Messina, Antoci: “Fatto gravissimo”

di
14 Aprile 2020

L’11 aprile a Messina decine di persone, nonostante i divieti, accompagnavano il feretro del fratello dell’ex boss Luigi Sparacio. Sull’accaduto gli inquirenti stanno già indagando per comprenderne meglio i contorni.

Quanto accaduto è gravissimo – dichiara Giuseppe Antoci, Presidente Onorario della Fondazione Caponnetto ed ex Presidente del Parco dei Nebrodi, scampato ad un agguato mafioso nel maggio 2016. – E’ incredibile che mentre nel nostro Paese migliaia di famiglie sono costrette a non poter vedere morire i loro congiunti e a dover poi effettuare esequie solitarie e riservate, a Messina accadano cose di questo genere. Personaggi che, con arroganza, pensano che le norme valgano solo per alcuni mentre altri, sull’onda del delirio di impunità, pensano di poter fare i padroncini dei territori volendo, forse, dimostrare che proprio in quei territori comandano loro”.

Giuseppe AntociLa notizia ha scatenato parecchie rimostranze e ha anche portato il Sindaco di Messina, Cateno De Luca, a fare delle precisazioni definendo tale partecipazione, solo di “una trentina di persone“, come estemporanea e sminuendo la vicenda.

“Ma è ancora di più incredibile – continua Antoci – che i familiari del defunto ringrazino pubblicamente il Sindaco definendo invece i giornalisti, che si sono occupati della vicenda, dei pezzi di merda“.

È infatti recente la notizia che uno dei familiari di Rosario Sparacio, il fratello di un ex boss della mafia messinese, ha ringraziato il primo cittadino della Città dello Stretto che aveva parlato di “una trentina di persone” che si erano unite per accompagnare la salma. “Dovete togliervi il nome di mio nonno da quella bocca che avete – aveva scritto su Facebook Rosario Maria Sparacio – perché non siete nemmeno degni di nominarlo….. Grandissimi giornalisti pezzi di merda perché siete dei pezzi merda e dite solo menzogne” e poi, in un altro post di un altro parente, si fa anche il nome del giornalista della Gazzetta del Sud Lucio D’amico: “…ti sei permesso di utilizzare anche nome e cognome di una persona che non sei neanche degno di nominare…”.

“Ma siamo impazziti? Queste frasi  – continua Antoci – mi ricordano quelle scritte dalla famiglia Giuliano, ritenuta dalla DDA di Catania come gruppo criminale con base a Pachino, contro Paolo Borrometi, solo perché si occupava anche di loro raccontando gli affari di cosa nostra in quel territorio. Contro Borrometi, poi, anche un attentato scoperto per un pelo dalla magistratura e qualche giorno fa minacce anche a Salvo Palazzolo”.

Cateno De Luca“Sono felice che il Sindaco De Luca abbia preso le distanze dai ringraziamenti ma restano comunque come pietre quelle dichiarazioni farneticanti e minacciose dei parenti contro i giornalisti – continua Antoci.  Questa terra ha già visto cadere sotto i colpi della mafia troppi di loro e vede ancora tanti giornalisti in trincea, alcuni dei quali costretti a vivere sotto scorta o che, semplicemente scrivendo con coraggio nomi e cognomi, rischiano anche la vita. Sono certo che la Magistratura e le Forze dell’Ordine di Messina sapranno, come sempre, dare un seguito all’accaduto” – conclude Antoci

 

 

LEGGI ANCHE:

Coronavirus a Messina: celebrati i funerali del fratello del boss. Il silenzio di Cateno De Luca

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.