Funerali di Marcello Cimino, il parroco in chiesa: "Palermo è alla fame. Ma menomale che c'è in città una solidarietà silenziosa" :ilSicilia.it

Funerali di Marcello Cimino, il parroco in chiesa: “Palermo è alla fame. Ma menomale che c’è in città una solidarietà silenziosa”

di
13 Marzo 2017

“Speriamo che la fine che ha fatto Marcello ci scuota a fare meglio per i poveri”. Lo ha detto padre Cesare Rattoballi che ha celebrato nella chiesa dell’Annunciazione del Signore i funerali di Marcello Cimino, il clochard dato alle fiamme nel portico della Mensa di San Francesco sabato scorso. Alla celebrazione hanno preso parte l’ex moglie Iolanda e le due figlie.

Al centro della chiesa la bara di Marcello Cimino con la foto, i fiori e la fascia del Palermo calcio. “Palermo è una tra le città italiane che ha il numero più alto di clochard, 2500 dicevano le statistiche di questi giorni, dopo la terribile vicenda di Marcello – ha aggiunto il parroco – Può una città occuparsi delle problematiche solo del centro storico? O si deva anche occupare delle periferie? Può un Comune avere solo pochissimi operatori per l’assistenza sociale o poche risorse per queste problematiche? Può una città che dovrebbe essere al città dove vivere la vita diventare una necropoli? Palermo, la nostra Palermo, la bella Palermo può ricca di vitalità essere attraversata da questi fenomeni come la mancanza di lavoro?”.

” A Marcello – ha aggiunto padre Rattoballi – era stato proibito di raccogliere il ferro vecchio perché non aveva la licenza. Giusto. Legittimo. Ma il legislatore si è chiesto e allora dopo questo divieto questa legge come potranno vivere questi uomini? Come potranno avere un pezzo di pane per sfamare le proprie famiglie?. Perché non dare loro la licenza o creare una equipe che possa affiancarli? No, sappiamo solo creare divieti e non sappiamo creare lavoro. Come altre categorie. I venditori ambulanti di frutta e verdura, i posteggiatori e chissà quante altre realtà lavorative potrebbero trovare uno sbocco lavorativo, ma vengono mortificati e penalizzati”.

Per padre Rattoballi: “Palermo è alla fame. Ma meno male che c’è in questa città una solidarietà silenziosa. La Caritas diocesana che fa tanti per i nostri fratelli bisognosi. Ci sono tanti volontari che lavorano per i bisognosi. Le mense per i poveri. La nostra parrocchia l’annunciazione del Signore mediamente spende circa 10 mila euro in alimenti. Se messi insieme i contributi delle Caritas Parrocchiali superano sicuramente di quello del Comune di Palermo”.

Alla fine della celebrazione i tanti amici e parenti che si sono stretti alle figlie e alla ex moglie e hanno salutato Marcello nel cortile della chiesa con una canzone napoletana di uno dei beniamini di Cimino.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.