Fungo Day, a Ucria la XXIV edizione della sagra | IL PROGRAMMA :ilSicilia.it
Messina

Sabato 26 ottobre

Fungo Day, a Ucria la XXIV edizione della sagra | IL PROGRAMMA

di
24 Ottobre 2019

Pronti a vivere un sabato, precisamente quello del 26 ottobre, all’insegna del gusto? Allora, la XXIV edizione Fungo Day – Mostra & Sagra dei Funghi ad Ucria (ME) fa al caso vostro.

La Sagra e la Mostra, che si svolgono ogni anno durante l’ultimo weekend di ottobre, hanno lo scopo di divulgare e far conoscere il mondo dei funghi, con degustazioni e possibilità di acquistare prodotti tipici locali. Una bella vetrina per un territorio che ha tanto da raccontare e da dare.

Ucria, anticamente “Keria”, è un piccolo comune montano situato sui Nebrodi, uno scrigno tutto da scoprire, i cui i primi insediamenti risalirebbero all’età ellenica e reperti archeologici, monete romane e utensili vari, sono stati rinvenuti nei pressi della Rocca di S. Marco. Nel Medioevo assunse la tipica forma feudale, divenendo sede di dominazione normanna, sveva, angioina e aragonese.

Fungo-Day-UcriaUn importante ruolo nell’economia ucriese è svolto dai funghi e, infatti, nel 1995, è stata fondata Associazione Micologica Naturalistica “P.Bernardino” che, oltre ad occuparsi di studiare da un punto di vista tossicologico, biochimico e igienico-sanitario le diverse specie di funghi che colonizzano il territorio e di divulgare le conoscenze in questo campo tramite mostre, seminari e convegni vari, organizza l’annuale sagra dei funghi che attrae sempre più visitatori, con stand enogastronomici, folclore, visite guidate, percorsi naturalistici, e mostre.

I porcini sono delle rarità, ma in questo territorio li avete a portata di mano. Arrampicatevi con guide esperte lungo i pendii e avrete l’opportunità di portare a casa un bottino prezioso e gustoso. In occasione della Sagra, che ormai è un appuntamento imperdibile e molto atteso, resteranno aperti tutto il giorno chiese, poli museali e la Banca del Germoplasma. Scendiamo nel programma, per scoprirlo nei dettagli.

 

PROGRAMMA

Sabato 26 ottobre

Alle 10 – Centro visite del Parco dei Nebrodi (Via S. Antonio del Prato – Circonvallazione)

Apertura Mostra Micologica Funghi dei Nebrodi

Esposizione dei Tartufi dell’Area Nebrodi a cura dei Micologi Gaetano Spagnolo, Mario Russo, Arturo Buccheri, Alì Salvatore, Nino Fiocco

Alle 10 – Punto d’incontro Centro visite Parco dei Nebrodi

Escursione Naturalistica con raccolta Funghi (Info e Prenotazioni – Associazione PFM 331 3457538)

Alle 12 – Centro visite Parco dei Nebrodi

Degustazioni a base di Funghi

Alle 16

Trekking Urbano

Dalle 19 al Centro visite del Parco dei Nebrodi (Via S. Antonio del Prato – Circonvallazione)

Sagra del Fungo

Alle 21

Musica live con gli Onda sonora Band

Chiudiamo con Cristoforo Poggiali che, a proposito dei funghi, scrisse: “Da terra il fungo spunta fuora, che man lo coglie e bocca lo divora“.

Buona Sagra a tutti.

 

EVENTO FACEBOOK QUI

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.