Furbetti del cartellino a Palermo, Ferrandelli: "Scarsa governance ma non è tutto marcio" :ilSicilia.it
Palermo

la dichiarazione

Furbetti del cartellino a Palermo, Ferrandelli: “Scarsa governance ma non è tutto marcio”

di
4 Dicembre 2020

Giorno dopo giorno emerge un quadro sempre più evidente di come la nostra amministrazione dimostri una scarsa governance dei processi e della gestione dei suoi dipartimenti“. A dichiararlo è Fabrizio Ferrandelli, leader dell’opposizione in Consiglio Comunale di Palermo.

“Al netto degli episodi da accertare da parte delle autorità competenti, questa mattina, dagli esiti del nel blitz anti-assenteismo al Comune di Palermo eseguito dall’Arma dei carabinieri e dalla Polizia municipale, emerge un risultato allarmante 55 indagati”, prosegue.

“Le indagini hanno interessato gli uffici dei Servizi  cimiteriali di via Lincoln, hanno permesso di ricostruire “condotte  penalmente rilevanti” su 55 impiegati, ovvero più di un terzo dei circa 150 dipendenti che prestano servizio nell’ufficio – evidenzia -. Contestati i reati di falsa attestazione di presenza in  servizio e truffa ai danni dell’Amministrazione comunale. Il Tribunale ha ritenuto di  applicare la misura cautelare nei confronti di coloro per i quali,  avendo perpetrato un numero cospicuo di episodi delittuosi o avendo  una particolare personalità desunta da pregressi precedenti penali,  sussista un rischio concreto ed attuale di reiterazione del reato.”

“In un momento così difficile dove in molti hanno perso il lavoro e altri non riescono ad alzare le serrande della loro attività commerciale, senza il minimo rispetto i furbetti del cartellino, invece, gettano un onta su chi invece fa del suo lavoro e della sua onestà un vanto – conclude -. Non è tutto marcio, non fa tutto schifo anche se certe notizie lasciano sempre un sapore amaro, troppo”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin