Furbetti del vaccino, pugno duro di Musumeci: "Non escludo licenziamento dipendenti regionali" :ilSicilia.it

La dichiarazione del governatore

Furbetti del vaccino, pugno duro di Musumeci: “Non escludo licenziamento dipendenti regionali”

di
26 Gennaio 2021

Pugno duro del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, contro i ‘furbetti’ del vaccino, ovvero gli oltre trecento casi di persone che hanno ricevuto la prima dose pur non essendo nelle liste del personale sanitario.

Non escludo il licenziamento dei dipendenti regionali“, ha detto Musumeci riferendosi a chi si fosse vaccinato senza averne diritto e a chi avesse favorito la vaccinazione di persone non in lista. Il presidente della Regione Siciliana ha poi annunciato che “non faremo il richiamo a chi si è vaccinato senza averne diritto“.

La caccia ai furbetti del vaccino è stata affidata all’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, che ha subito dato indicazioni ai dirigenti dell’assessorato di iniziare gli accertamenti e, in caso di irregolarità, di applicare le sanzioni previste che, in ultima istanza, prevedono anche il licenziamento.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin