Furgone incendiato a Taormina: i Carabinieri sospettano matrice estorsiva :ilSicilia.it
Messina

inquietante episodio a Trappitello

Furgone incendiato a Taormina: i Carabinieri sospettano matrice estorsiva

di
26 Aprile 2019

Indagini in corso dei Carabinieri di Taormina per provare a fare luce sull’inquietante episodio di un furgone Fiat Doblò Maxi dato alle fiamme da ignoti nella frazione di Trappitello.

I militari dell’Arma, diretti dal Comandante Arcangelo Maiello, stanno cercando di fare luce sulla vicenda avvenuta nelle notte tra martedì e mercoledì scorso in via Arancio. I

l mezzo dato alle fiamme era parcheggiato proprio accanto al cancello di ingresso di un’impresa con sede a Piedimonte Etneo che si occupa della produzione e vendita al dettaglio e all’ingrosso di gas in bombole e all’interno del Doblò si trovavano, tra l’altro, proprio cinque bombole.

C’è stretto riserbo tra gli inquirenti ma i Carabinieri starebbero svolgendo indagini a largo raggio ed in particolare l’attenzione sarebbe rivolta agli ambienti dell’etneo. Il titolare dell’impresa nella denuncia sporta ai carabinieri ha asserito, a quanto pare, di non aver mai ricevuto minacce o alcun tentativo di intimidazione, aggiungendo che all’inizio aveva pensato si fosse trattato di un incendio non di natura dolosa.

I Carabinieri stanno però verificando se si sia trattato di un atto ricollegabile a un possibile tentativo di estorsione ed anche per questo, tra le varie ipotesi investigative, starebbero concentrando la loro attenzione, come detto, sugli ambienti del Catanese.

Le indagini si presentano non semplici anche perché è in atto il tentativo di trovare delle immagini di telecamere della zona ma, a quanto risulta, non ci sarebbero sistemi di videosorveglianza in quella strada. Delle telecamere in passato si trovavano proprio nelle vicinanze del deposito, tuttavia in seguito sono state rimosse e non sono state più ricollocate. L’incendio si è verificato nella parte terminale della via Arancio, qualche centinaio di metri dopo i complessi residenziali e le villette che si trovano in zona, in un punto più isolato nel quale c’è soltanto la sede della ditta di bombole e di fronte dei terreni di campagna.

I malviventi potrebbero aver appiccato il fuoco al Fiat Doblò Maxi per poi percorrere la via Arancio in direzione dei complessi residenziali e quindi sino in fondo, immettendosi nella SS185-Via Francavilla per poi dirigersi verso il vicino casello autostradale di Giardini Naxos.

Ma non si esclude neppure che abbiano fatto un percorso alternativo tra le strade di campagna. Al momento non ci sono conferme e, soprattutto, non c’è il conforto di telecamere. L’attentato è avvenuto quando ancora era notte, intorno alle ore 4.

Alcuni reperti sono stati già trasmessi ai Carabinieri del Ris di Messina per i relativi accertamenti scientifici, al fine di verificare se vi siano delle impronte e se qualche malvivente abbia lasciato il suo Dna. L’attenzione si concentra sul finto ordigno, una bottiglia di plastica che era posizionata proprio davanti al cancello di ingresso della ditta. Si trattava di una bottiglia vuota con un cilindro e dei cavi elettrici, legati da nastro isolante. I Ris esamineranno quindi sia la bottiglia che il cilindro posizionato nella parte superiore della stessa.

Nella circostanza sul posto sono giunti i Carabinieri del Nucleo Artificieri che hanno appurato non si trattava di una bomba artigianale ma probabilmente di un oggetto lasciato lì a scopo dimostrativo, presumibilmente intimidatorio. Alle spalle del furgone incendiato c’era anche un altro Doblò soltanto lambito e quindi marginalmente interessato dal rogo.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.