Furti a Mondello. Lui rubava, lei vendeva il materiale online, condannati due fidanzati :ilSicilia.it
Palermo

Il ragazzo faceva rapine con una pistola giocattolo

Furti a Mondello. Lui rubava, lei vendeva il materiale online, condannati due fidanzati

14 Luglio 2017

Il gup Patrizia Ferro ha condannato a sei anni Massimiliano Sidoti, 33 anni, per furti e rapine, e a un anno (pena sospesa) Rosalia Garofalo, 25 anni, per ricettazione. I due sono fidanzati.

Secondo l’accusa, Sidoti rubava zaini e borse a Mondello (di solito al lido Ombelico del mondo), ma faceva anche di rapine con una pistola giocattolo.

Garofalo rivendeva il materiale on line, ma non avrebbe saputo nulla dell’attività criminale del ragazzo che le diceva di aver comprato le borse e il resto a Ballarò. I due sono stati incastrati dall’amica di una delle vittime dei furti che ha riconosciuto su internet la borsa firmata Stella Mc Cartney, proprio quella rubata qualche giorno prima.

La ragazza derubata ha chiamato la polizia e ha poi fissato un appuntamento con l’imputata. Appuntamento al quale si sono presentati anche gli agenti che hanno trovato nella macchina dell’imputato la pistola giocattolo, ricostruendo i furti e le rapine, poi confessati dal ragazzo.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.