21 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.44
Palermo

UN ARRESTO

Furti di auto a Palermo: rocambolesco inseguimento allo Zen 2 nella notte | VIDEO

24 Ottobre 2018

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Un rocambolesco inseguimento in stile film, ieri tra i padiglioni del quartiere Zen 2, a Palermo. Gli equipaggi delle gazzelle dei Carabinieri del Nucleo Radiomobile hanno tratto in arresto Michele Leone, 26enne, residente a Cinisi (PA), volto noto alle forze dell’ordine, con l’accusa di furto aggravato in concorso e resistenza a pubblico ufficiale.

Erano le 03:30 circa, quando durante un servizio di controllo del territorio allo Zen, i Carabinieri hanno notato una Fiat 500 con a bordo quattro persone, condotta dallo stesso Leone che, alla vista della gazzella dell’Arma, aumentava repentinamente la marcia imboccando via Primo Carnera ad alta velocità.

L’atteggiamento sospetto non è sfuggito ai militari che hanno avvisato l’operatore del 112 richiedendo l’invio di altre pattuglie in ausilio, ponendosi all’inseguimento del mezzo che, dopo una breve fuga, andava prima a sbattere contro il muro di un edificio per poi terminare la corsa contro una Ford Fiesta parcheggiata.

I Carabinieri nonostante il tentativo di sottrarsi al controllo, sono riusciti ad immobilizzarlo, mentre gli occupanti dell’autovettura si sono dati alla fuga, a piedi, lanciandosi dal mezzo ancora in corsa e facendo perdere le proprie tracce tra i padiglioni circostanti.

I successivi accertamenti hanno permesso di accertare che la Fiat 500 era stata poco prima asportata in via Ingegneros (quartiere San Lorenzo) ai danni di un pensionato del luogo.

A seguito della perquisizione personale, i Carabinieri hanno rinvenuto indosso al Leone un cacciavite, verosimilmente utilizzato per l’apertura e l’avviamento del mezzo rubato, posto sotto sequestro. La denuncia di furto dell’autovettura è stata formalizzata dal proprietario in Caserma ed il mezzo restituitogli.

L’arrestato giudicato con rito direttissimo, a seguito di convalida è stato sottoposto alla misura dell’obbligo di presentazione in caserma e rimesso in libertà.

Sono in corso indagini dei Carabinieri del nucleo Radiomobile, volte ad accertare l’identità dei complici, che approfittando del buio sono riusciti a dileguarsi tra i padiglioni del quartiere.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

L’Urbanista e il Ghostwriter

Sono cinquant’anni che percorro le stesse strade nella stessa città e quello che da sempre mi salta in mente è la piena considerazione che non sono i fabbricati a cambiare, ma è la gente e soprattutto il loro modo di vivere.
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.