Furti di carburante a Bellolampo: la banda incassava 30 mila euro a mese :ilSicilia.it

ecco come agivano

Furti di carburante a Bellolampo: la banda incassava 30 mila euro a mese

di
29 Giugno 2020

Il capo della banda dedita ai furti di gasolio nella discarica di Bellolampo, secondo i carabinieri della compagnia di San Lorenzo sarebbe Giovanni Calò, operaio impiegato nel movimento terra.

E’ lui che impartiva gli ordini ad Alessandro Milazzo, Francesco Lopitale, Marco Corona, Fausto Mangano, Ciro Aurelio, Benedetto Scariano, Rosario Di Maggio e Salvatore Lullo: tutti dipendenti della Rap, che aveva libero accesso ai mezzi così da potere svuotare i serbatoi dei mezzi pesanti come il compattatore Bomag per movimentare i rifiuti nell’impianto, o le pale cingolate, o ancora il polipo o ragno.

C’è anche in dotazione un furgone con una cisterna mobile di mille litri per fare rifornimento durante le operazioni nella discarica. Il fabbisogno di gasolio nella discarica era notevole. Per portare fuori le taniche utilizzavano il pickup aziendale. Era Calò, come si legge nell’ordinanza del gip Giulia Malaponte, ad aumentare le ore di utilizzo di un mezzo in modo tale da giustificare gli ammanchi del carburante.

A fare da vedetta in tantissimi colpi sarebbe stato Giuseppe Cocuzza. La società Risorse ambiente Palermo (Rap spa) aveva appaltato un servizio di sorveglianza alla Ksm. Ed è proprio da una denuncia dal personale dipendente del servizio di vigilanza dell’ottobre del 2017 che è iniziata l’indagine. Dal 29 gennaio al 5 giugno 2018, giorno del primo blitz, ogni azione nella discarica è stata ripresa dalle telecamere installate dai militari.

Il gasolio rubato veniva venduto a un euro al litro e finiva o nel distributore Q8 di via Leonardo da Vinci quando era gestito da Francesco e Gaspare Inzerillo, o acquistato da altri ricettatori arrestati nel corso dell’operazione. Una quantità davvero notevole. Un dirigente dell’impianto, Vincenzo Bonanno, in alcune dichiarazioni fornite ai carabinieri affermava che dal 5 giugno del 2018, data dei primi arresti, al 27 luglio dello stesso anno si era registrato un risparmio mensile di carburante di 20 mila litri di gasolio.

Leggi anche

Furti di carburante alla discarica di Bellolampo, 21 arresti a Palermo | VIDEO

© Riproduzione Riservata
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.