Furti di carburante a Bellolampo, scatta il licenziamento per gli indagati :ilSicilia.it
Palermo

LA DECISIONE DEL PRESIDENTE DELLA RAP

Furti di carburante a Bellolampo, scatta il licenziamento per gli indagati

di
29 Giugno 2020

Al via le procedure di licenziamento degli 11 dipendenti della Rap, accusati di furto di carburante nell’ambito di Bellolampo. Più precisamente, i provvedimenti sono frutto di quanto messo in luce dall’operazione denominata “Beautiful flash“, condotta dai carabinieri.

Lo ha deciso Giuseppe Norata, il presidente dell’azienda che si occupa della gestione dei rifiuti a Palermo, insieme al Comune.

LA NOTA DELL’AZIENDA

L’azienda sottolinea infatti “come questa indagine sia la prosecuzione di una avviata nel 2018, che già aveva portato ad alcuni arresti e licenziamenti, scaturita da accertamenti fatti proprio dalla Rap a seguito delle anomalie registrate nel consumo di carburante presso l’impianto di Bellolampo. Le verifiche svolte internamente avevano infatti mostrato come nel 2017 e nel 2018 vi fosse stata un’anomala impennata dei consumi di carburante, che non trovava alcuna giustificazione nell’attività svolta. Il danno stimato era di circa 30 mila euro mensili”.

“Dai lavoratori della Rap, e per fortuna per la stragrande maggioranza di loro è così – afferma il sindaco Leoluca Orlando – ci aspettiamo non solo la normale professionalità che ci si aspetta da un dipendente di azienda pubblica, ma anche gratitudine verso la città e la comunità per aver evitato che qualche anno fa, col fallimento di Amia, centinaia di persone perdessero il posto di lavoro”.

LEGGI ANCHE

Furti di carburante a Bellolampo: la banda incassava 30 mila euro a mese

Furti di carburante alla discarica di Bellolampo, 21 arresti a Palermo | VIDEO

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin