Furto di gasolio al cantiere del collettore fognario a Palermo: indagini in corso :ilSicilia.it
Palermo

in via roma

Furto di gasolio al cantiere del collettore fognario a Palermo: indagini in corso

di
10 Settembre 2020

Nella notte sono stati rubati a Palermo 250 litri di gasolio dai mezzi utilizzati per la realizzazione del collettore fognario, in via Roma. Un furto che ha costretto momentaneamente all’interruzione dei lavori ripartiti lo scorso fine giugno.

Il gasolio è stato asportato dalla gru e da un altro macchinario, dopo che i malviventi hanno tranciato i fili che alimentano la pompa del carburante portando il combustibile dal serbatoio al motore. Le indagini sono condotte dalla polizia.

Nelle scorse settimane altri due cantieri erano finiti nel mirino. Ai primi di settembre due incendi in 24 ore avevano danneggiato i mezzi in altrettanti cantieri, quello dell’Anello ferroviario di via Calcante e quello del collettore fognario di via Rosario Nicoletti.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

La stramberia dello stop alla Ztl notturna a Palermo

E’ possibile che questo sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, non riesca a mettere un freno alle stramberie del suo assessore alla Mobilità, Giusto Catania? Evidentemente, non ha una grande considerazione per i palermitani, proponendo l’abolizione della Ztl nella fascia oraria notturna
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.