"Futuru", al teatro Santa Cecilia anteprima del docufilm sulla Palermo di oggi | VIDEO :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

Cosa è cambiato dopo l'anno di Capitale della Cultura?

“Futuru”, al teatro Santa Cecilia anteprima del docufilm sulla Palermo di oggi | VIDEO

di
30 Novembre 2018

Guarda il video in alto 

Si intitola “Futuru – An inside look of Palermo”, il documentario nato dall’idea di Alessandra Borghese, scrittrice ed imprenditrice culturale, di voler lasciare una fotografia in movimento di Palermo nell’anno vissuto da “capitale della cultura“.

L’anteprima nazionale del video, realizzato insieme ai due registi e sceneggiatori Alessandro Albanese e Carlo Loforti, fondatori della Video Company Just Maria, si terrà sabato 1 dicembre al Regio Teatro di Santa Cecilia, alle ore 11.30.

Il documentario, partendo anche dagli articoli di giornale delle testate più importanti al mondo, vuole lasciare una riflessione ed analizzare con l’aiuto di molte voci lo stato dell’arte di questo cambiamento. “Ma cambiamento reale o chimera?”

Da qui l’escamotage narrativo del duo Albanese – Loforti di raccontare la visione forse troppo ottimistica della Borghese contrapponendole il pensiero più cauto del video maker palermitano Igor d’India.

Alessandra ed Igor, molto diversi  tra loro per età, background culturale e stili di vita, ma forse anche per questo adatti ad intervistare e riflettere insieme ad alcuni dei protagonisti della cultura e della società per sbrogliare la matassa di informazioni che si sono rincorse su Palermo nell’ultimo anno; da Letizia Battaglia a Yuri Ancarani, da Wasis Diop a Massimo Valsecchi, non ultimo il sindaco Leoluca Orlando e molti altri.

Interrogativo unico per tutti è: Questa città è davvero cambiata? Palermo è finalmente all’altezza della propria bellezza?

Il film non offre risposte, ma suggerisce domande: che sia cambiata o no, è qui che vogliamo fermarci?

Ho sentito l’urgenza di voler raccontare il cambiamento di Palermo, fermare questo 2018 in immagini. L’incontro con Alessandro, Carlo e Igor è stato un arricchimento personale e ha fatto bene al lavoro. L’obiettivo non è stato tirare delle conclusioni ma piuttosto stimolare uno sguardo sul futuro e su una città che, finalmente, è tornata ad essere apprezzata in tutto il mondo tra incredulità e gioia dei palermitani”, dichiara Alessandra Borghese.

Abbiamo deciso di affidarci a due voci opposte, lasciandoci trascinare da due protagonisti che, se non avevano delle risposte certe su questa storia del cambiamento, ci sembravano portavoce di quelle più ragionevoli. E li abbiamo messi alla ricerca di qualcosa”  – dal canto loro Albanese e Loforti.

Il film, dunque, vuole aprire ad una riflessione sul futuro di Palermo e dei siciliani in generale. Un futuro a cui, i palermitani, sembrano etimologicamente poco avvezzi.

Il film sarà disponibile su www.corriere.it a partire dal 2 dicembre.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Il Principe e il Povero

E proprio vero “u saziu nun po' cridiri o diunu, è facile fare la persona di principio con l’appannaggio annuo di 2.000.000 sterline che ti passa to nonna". Fu a quel punto che comprese l’importanza e la fortuna di essere povero

Politica

di Elio Sanfilippo

Il putiferio palermitano del Pd

Il putiferio all’interno del Partito democratico palermitano pare che sia scoppiato in seguito ad una intervista rilasciata dal segretario Rosario Filoramo accusato di autoreferenzialità, di una gestione accentratrice del partito e, soprattutto, di avere lanciato la sua sindacatura a sindaco di Palermo senza alcuna consultazione e riunione degli organismi dirigenti. 

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti