G7, i sette grandi incantati da Taormina. E qualcuno tornerà | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Taormina

"Il presidente Trump vuole tornare a Taormina - ha spiegato Giardina - e cosi anche gli altri".

G7, i sette grandi incantati da Taormina. E qualcuno tornerà

di
29 Maggio 2017

“Si chiude in modo splendido un G7 che rimarrà di diritto nella storia della città di Taormina. La cosa più bella e più gratificante, tra le tante, e’ l’apprezzamento sincero rivolto dai sette grandi al nostro paese. Si sono innamorati di Taormina e vogliono tornarci”. Lo ha dichiarato il sindaco di Taormina, Eligio Giardina, al termine del pranzo con i leader del vertice e con le rispettive consorti. “Il presidente Trump vuole tornare a Taormina – ha spiegato Giardina – e cosi anche gli altri. Taormina ha conquistato il cuore dei potenti del pianeta. Anche il presidente Gentiloni ha avuto belle parole per questo territorio e ha confermato che il 25 novembre si terrà qui il g7 delle Pari Opportunità “.

Alcuni dei sette grandi potrebbero, dunque, fare ritorno quanto prima a Taormina e uno di questi è certamente il primo ministro del Canada, Justin Trudeau, che era già stato nella Perla quando aveva 12 anni nel 1983, quando il padre era presidente del Canada e a distanza di 34 anni ha rivisto la città. Trudeau potrebbe concedersi, a quanto pare, qualche giorno di vacanza in Sicilia nei mesi estivi. Ma il fascino di Taormina non ha lasciato indifferente nemmeno Angela Merkel, la cancelliera tedesca che insieme al marito è solita fare vacanza ogni anno in Italia a Capri e che stavolta potrebbe cambiare meta estiva e spostarsi dalla consueta tappa ai Faraglioni ad un’altra, ancora più mozzafiato, all’ombra dell’Etna e con la bellezza incomparabile del mare siciliano.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin