G7, "the day after". Taormina ritorna alla normalità :ilSicilia.it
Taormina

E c'è già chi attende impaziente che sia di nuovo G7 a Taormina

G7, “the day after”. Taormina ritorna alla normalità

29 Maggio 2017

Si spengono i riflettori del G7 e Taormina ritorna quella di sempre. Conclusa la due giorni del summit internazionale, la città si è risvegliata sin da domenica mattina all’insegna del “Liberi tutti” e dopo sei giorni di zona rossa sono subito rientrati in paese i residenti delle frazioni e delle aree periferiche rimasti fuori dal perimetro del centro storico dalla mezzanotte del 22 maggio scorso sino a tutta la giornata di sabato. Ripartiti i sette grandi, Taormina ha riaperto soprattutto le porte all’accoglienza ai turisti, che di buon mattino hanno affollato nuovamente Corso Umberto, le zona panoramiche e i vicoli della Perla dello Ionio. Il momento simbolico che più di qualsiasi altro ha segnato il confine tra la conclusione del G7 e il ritorno alla normalità è stato, più di ogni altro, quello delle migliaia di Forze dell’Ordine e Forze Armate che hanno lasciato Taormina riconsegnandola alla routine turistica di sempre. Diversi cittadini hanno salutato con una stretta di mano e con un grazie i poliziotti, i carabinieri, i finanzieri, i militari dell’Esercito, dell’Aeronautica e della Marina, i pompieri, e tutti gli addetti alla sicurezza. Un contingente straordinario che ha contribuito a far vivere giorni di protezione totale alla comunità locale. Dopo sei giorni di zona rossa e di centro storico riservato a soli 2 mila residenti, come detto, sono rientrati anche gli altri taorminesi ed e’ iniziato l’immancabile commento su come sono andate le cose.

Le lamentele per i disagi, le polemiche sul presunto (ma di fatto inesistente) danno turistico e le discussioni sui ritardi sono andate in frantumi, polverizzati dalla netta evidenza di una Taormina che è stata protagonista assoluta di questo G7 e ha ricevuto dalla due giorni dei 7 grandi una promozione turistica e una vetrina eccezionale in termini di immagine. Tutti i network del mondo, chi più e chi meno, hanno esaltato e celebrato la grande bellezza di Taormina, una Perla rivelatasi più potente dei potenti stessi. La città che doveva essere cornice del vertice ha assunto il ruolo di vera e propria protagonista dell’evento, relegando in secondo piano le discussioni politiche che hanno determinato un intesa sulla lotta al terrorismo e un nulla di fatto sul clima.

Ad ogni modo il vero dato significativo che rimarrà impresso di questo G7 è il ribaltamento totale dell’atmosfera attorno all’evento, con gli scetticismi invernali e le critiche (troppo spesso insensate) che si sono trasformati nella consapevolezza tangibile di aver vissuto a Taormina 48 ore irripetibili. Giorni che si consegnano agli archivi come la pagina più prestigiosa di sempre della storia locale. I sette grandi si sono lasciati conquistare e accompagnare dall’accoglienza cordiale e calorosa dei taorminesi, e sono rimasti incantati dalla bellezza superba di luoghi come il Teatro Antico, piazza IX Aprile e la Villa comunale. Altrettanto incantevoli gli alberghi che hanno accolto i leader e le delegazioni in modo impeccabile e dando riprova di rappresentare il top nell’industria italiana dell’ospitalità. Se ne vanno i militari, finiscono i controlli ai varchi con i metà detector attorno alle porte e i vicoli e si concludono i posti di blocco sulla litoranea ma il G7 tanto temuto e criticato, alla fine e’ diventato una parentesi che i taorminesi conserveranno nei ricordi per molto tempo. E c’è già chi attende impaziente che sia di nuovo G7 a Taormina: accadrà in autunno, il 25 novembre e si tratterà del G7 delle Pari Opportunità. Prima però ci sarà un’estate da vivere in relax, poi verrà il momento del countdown per il bis e stavolta indossare il badge non sarà più un supplizio.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.