Gaffe di Maria Grazia Cucinotta: ricorda Taormina ma la foto è di Ischia :ilSicilia.it
Messina

il post della discordia sul suo profilo facebook

Gaffe di Maria Grazia Cucinotta: ricorda Taormina ma la foto è di Ischia

di
21 Febbraio 2018

“Ricordi di Taormina ….. la Sicilia nel cuore ….Baciiii”, è il post scritto qualche ora fa sul suo profilo facebook da Maria Grazia Cucinotta. L’attrice messinese ha accompagnato il suo pensiero ad una foto, uno scatto panoramico che la ritrae in tutta la sua bellezza qualche anno fa. Tutto perfetto se non fosse che lo sfondo dell’immagine, e dunque il luogo in cui la foto a suo tempo è stata scattata, non è Taormina ma l’Isola di Ischia. Una differenza ben visibile e che, per quanto si tratti in entrambi i casi di splendide località turistiche, sul piano squisitamente visivo si nota comunque in maniera evidente.

Ovviamente l’errore non è passato inosservato e i suoi fans le hanno subito fatto notare l’errore. Gli utenti le hanno scritto che si tratta di Lacco Ameno, Comune dell’Isola di Ischia. Tanti messaggi lasciati sulla sua bacheca, tra affettuose correzioni, pungenti precisazioni e chi non ha perso neppure l’occasione per attaccarla.

“Questa è Ischia…meno male che hai la Sicilia nel cuore”, “Hai sbagliato location! Altro che Taormina! Sei precisamente a Lacco”, “Taormina è molto più bella …Non è Taormina questo sfondo”. Ed ancora: “Sabrina Ferilli, lasciali stare a tutti sti criticoni, sei bellissima”, “Da quando Taormina e un Isola nel Golfo di Napoli? Bocciata in geografia”, “Cambia staff, la foto pare sia Ischia, da siciliana fai una cattiva figura, non posso credere che tu abbia scritto questo post”.

Alla fine, dopo le tante segnalazioni, è arrivata la correzione e Maria Grazia Cucinotta ha così modificato il post: “Ricordi di Taormina ma in realtà è Ischia è vero!!!! ………. ….Baciiii”. Sarà stato un lapsus dell’attrice o piuttosto, come qualcuno ha ipotizzato, un errore del suo staff? Il mistero, almeno per ora, non è stato svelato.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.