Gaffe di Maria Grazia Cucinotta: ricorda Taormina ma la foto è di Ischia :ilSicilia.it
Banner Bibo
Messina

il post della discordia sul suo profilo facebook

Gaffe di Maria Grazia Cucinotta: ricorda Taormina ma la foto è di Ischia

di
21 Febbraio 2018

“Ricordi di Taormina ….. la Sicilia nel cuore ….Baciiii”, è il post scritto qualche ora fa sul suo profilo facebook da Maria Grazia Cucinotta. L’attrice messinese ha accompagnato il suo pensiero ad una foto, uno scatto panoramico che la ritrae in tutta la sua bellezza qualche anno fa. Tutto perfetto se non fosse che lo sfondo dell’immagine, e dunque il luogo in cui la foto a suo tempo è stata scattata, non è Taormina ma l’Isola di Ischia. Una differenza ben visibile e che, per quanto si tratti in entrambi i casi di splendide località turistiche, sul piano squisitamente visivo si nota comunque in maniera evidente.

Ovviamente l’errore non è passato inosservato e i suoi fans le hanno subito fatto notare l’errore. Gli utenti le hanno scritto che si tratta di Lacco Ameno, Comune dell’Isola di Ischia. Tanti messaggi lasciati sulla sua bacheca, tra affettuose correzioni, pungenti precisazioni e chi non ha perso neppure l’occasione per attaccarla.

“Questa è Ischia…meno male che hai la Sicilia nel cuore”, “Hai sbagliato location! Altro che Taormina! Sei precisamente a Lacco”, “Taormina è molto più bella …Non è Taormina questo sfondo”. Ed ancora: “Sabrina Ferilli, lasciali stare a tutti sti criticoni, sei bellissima”, “Da quando Taormina e un Isola nel Golfo di Napoli? Bocciata in geografia”, “Cambia staff, la foto pare sia Ischia, da siciliana fai una cattiva figura, non posso credere che tu abbia scritto questo post”.

Alla fine, dopo le tante segnalazioni, è arrivata la correzione e Maria Grazia Cucinotta ha così modificato il post: “Ricordi di Taormina ma in realtà è Ischia è vero!!!! ………. ….Baciiii”. Sarà stato un lapsus dell’attrice o piuttosto, come qualcuno ha ipotizzato, un errore del suo staff? Il mistero, almeno per ora, non è stato svelato.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Il Principe e il Povero

E proprio vero “u saziu nun po' cridiri o diunu, è facile fare la persona di principio con l’appannaggio annuo di 2.000.000 sterline che ti passa to nonna". Fu a quel punto che comprese l’importanza e la fortuna di essere povero

Politica

di Elio Sanfilippo

Il putiferio palermitano del Pd

Il putiferio all’interno del Partito democratico palermitano pare che sia scoppiato in seguito ad una intervista rilasciata dal segretario Rosario Filoramo accusato di autoreferenzialità, di una gestione accentratrice del partito e, soprattutto, di avere lanciato la sua sindacatura a sindaco di Palermo senza alcuna consultazione e riunione degli organismi dirigenti. 

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti