GAL Valle del Belìce, Venuti eletto presidente: "Voglia di riscatto, la Regione acceleri sui bandi" :ilSicilia.it
Trapani

Centri storici, turismo, sviluppo agricolo e commercializzazione dei prodotti tipici

GAL Valle del Belìce, Venuti eletto presidente: “Voglia di riscatto, la Regione acceleri sui bandi”

di
28 Luglio 2018

SALEMI (TRAPANI) – Il sindaco di Salemi, Domenico Venuti, è il nuovo presidente del Gal Valle del Belìce. Lo ha deciso il Consiglio d’amministrazione del Gal, che ha anche individuato il vicepresidente: si tratta di Massimo Todaro, che guida il consorzio per la tutela del formaggio ‘Vastedda‘ della valle del Belìce. Fa il suo ingresso nel Cda del Gal anche Marilena Mauceri, neo sindaco del Comune di Menfi.

Il Gruppo di azione locale Valle del Belìce, istituito nel 2016 e riconosciuto ufficialmente dalla Regione Siciliana, mette insieme in partenariato 12 comuni della Valle del Belìce (Salemi, Gibellina, Santa Ninfa, Partanna, Salaparuta, Poggioreale, Menfi, Montevago, Sambuca di Sicilia, Santa Margherita di Belìce, Caltabellotta e Contessa Entellina) e soggetti privati che puntano allo sviluppo e al futuro di un territorio accomunato dall’esperienza del terremoto del 1968, ma che vuole mettersi alle spalle quel tragico evento uscendo dalla logica delle mere rivendicazioni.

GAL Valle del BelìceCentri storici, turismo, sviluppo agricolo e commercializzazione dei prodotti tipici sono alcuni dei punti che accomunano gli attori del Gal, i quali intendono dare omogeneità alle iniziative di sviluppo con una programmazione adatta alle esigenze di un vasto territorio che accomuna le province di Palermo, Trapani e Agrigento. Su questi elementi punta anche Salemi: la città si affaccia sulla val di Mazara ma condivide con gli altri comuni del Belìce non soltanto il ricordo del 1968 ma anche la voglia di puntare sulle eccellenze del territorio e sulla valorizzazione del proprio patrimonio storico e culturale.

“Ringrazio i componenti del Cda e tutti gli animatori del Gal per la fiducia – afferma Venuti –. Il Gal Valle del Belìce è stata una brillante intuizione perchè rappresenta al meglio la voglia di riscatto di una vasta porzione di territorio siciliano. Ci sono idee e tanta voglia di guardare al futuro – aggiunge il sindaco di Salemi – ma adesso la palla passa alla Regione a cui spetta il compito di dare il via alle misure che garantiscano operatività ai progetti dei Gal. Auspico che gli assessorati competenti accelerino sui bandi – conclude Venuti – mettendo a disposizione delle imprese e degli enti pubblici risorse che possono rappresentare un valido sostegno allo sviluppo del territorio”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.