Gangi: la X di "Vivere in Assisi", uno straordinario successo che si rinnova :ilSicilia.it
Palermo

Una rievocazione biennale sulla vita di San Francesco

Gangi: la X di “Vivere in Assisi”, uno straordinario successo che si rinnova

di
4 Ottobre 2019

Domenica 29 settembre si è conclusa la toccante, piena ed enormemente partecipata, decima edizione di Vivere in Assisi, pluripremiata da innumerevoli riconoscimenti nazionali e internazionali e, ormai, considerata come uno degli eventi d’eccellenza nel panorama delle manifestazioni nazionali medievali e francescane.

L’edizione 2019, ricorrendone il decennale, è stata caratterizzata da numerosi momenti anticipatori, mostre e convegni che hanno arricchito i mesi precedenti la rappresentazione e che, di fatto, l’hanno introdotta e ha visto, tra gli altri, il patrocinio della Città di Assisi, giunta a Gangi con una delegazione proprio per assistere alla rievocazione. Essa è stata accolta nei saloni, gremitissimi, del magnifico Palazzo Bongiorno, dal sindaco Francesco Migliazzo, dal presidente del Centro Studi Francescani e Medievali Roberto Franco e dal mini-sindaco Giuseppe Piazza che ha portato il saluto dei più giovani.

Gangi Assisi

È stato un incontro cordialissimo ed emozionante, foriero d’importanti iniziative, all’insegna del profondo legame che unisce le due città, l’una che ha dato i natali all’amatissimo San Francesco, l’altra che ospita da vent’anni “Vivere in Assisi”, viaggio dentro l’animo del Santo, amato altrettanto. Il presidente del Centro Studi Francescani e Medievali, Roberto Franco, esprimendo all’assessore Veronica Cavallucci, tutta la gratitudine per la preziosa e significativa presenza, ha auspicato la condivisione, nel nome di Francesco, di progetti luminosi e di ampio respiro. Alla fine si è proceduto al primo annullo filatelico dedicato, donato all’Assessore in un folder celebrativo con la fotografia dell’incontro tra San Francesco e il Sultano, a firma di Arianna Di Romano e una pergamena con la benedizione del Santo, vergata dall’amanuense Pietro Vincenzo Bongiorno, insieme alla litografia del maestro Antonello Blandi che riproduce il manifesto ufficiale, divenuto immagine suggestiva della golden edition e, da parte del sindaco, lo stemma della città e alcune pubblicazioni.

I quattro giorni, dal 26 al 29 settembre, in cui è andato in scena il Cantico per l’uomo ovvero Francesco d’Assisi il Santo che svela il vero volto dell’uomo, sono stati particolarmente intensi. Migliaia di visitatori si sono riversati a Gangi, «Sicula Città Internazionale della Storia Francescana», per assistere alla rievocazione organizzata ogni due anni proprio dal Centro Studi Francescani e Medievali, introdotta, nelle ultime due giornate, da un imponente corteo storico, rappresentazione ideale dei ceti sociali e dei loro stili di vita nell’Assisi dei tempi di Francesco che, svestiti i panni di visitatori e assunti quelli di pellegrini, hanno intrapreso l’intenso cammino spirituale tra i vicoli più incantevoli del borgo, accompagnati da Francesco che ha svelato, potentemente, il suo messaggio di pace, di cura per il Creato e tutte le sue creature, ispirato dall’infinito amore per Cristo e testimoniato dalla sua mistica vita vissuta in fraternità e umiltà.

Un vero disegno di vita, cosciente e rinnovato che ha spalancato gli orizzonti e condotto i viaggiatori verso luoghi di serena speranza, quella stessa speranza che, invisibile e indissolubile, sorregge, tenace, le sorti del mondo.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.