Gare per la gestione deserte, stagione a rischio per Piano Battaglia :ilSicilia.it
Palermo

A SOSTENERLO ANTHONY BARBAGALLO (PD)

Gare per la gestione deserte, stagione a rischio per Piano Battaglia

6 Novembre 2019

Il deputato regionale del Partito Democratico Anthony Barbagallo interviene sulla prossima stagione sciistica di Piano Battaglia, messa a rischio, a suo dire, da procedure farraginose e dalle gare separate per i vari impianti.

L’incomprensibile scelta di procedere con affidamenti annuali e gare separate per la gestione degli impianti di discesa e risalita mette a repentaglio il futuro della stazione sciistica di Piano Battaglia che nonostante lo scorso anno abbia salutato la stagione invernale con 61 giorni di attività ed un bilancio di 40 mila presenze rischia invece di rimanere chiusa per la prossima stagione sciistica“.

Anthony Barbagallo
Anthony Barbagallo

La gara per la gestione delle piste da sci di Piano Battaglia e’ andata deserta – spiega il parlamentare regionale PD – confermando le nostre previsioni sull’assurdità di prevedere una doppia gestione per gli impianti di risalita e per le piste da sci alpino“.

Cosi’ facendo – aggiunge – si vanificano gli sforzi del centrosinistra al governo, che ha fortemente voluto e realizzato gli impianti, e quelli dell’Assemblea regionale che ha dato un cospicuo contributo alla città metropolitana di Palermo per la gestione degli impianti. Intanto Piano Battaglia non puo’ programmare l’inizio della stagione e, con l’inverno alle porte e la previsione delle prime nevicate ad alta quota, – continua – non e’ possibile perdere tempo. Dobbiamo ricordare – conclude Barbagallo – che la stazione sciistica di Piano Battaglia rappresenta un volano di sviluppo economico di primaria importanza per l’area delle Madonie, richiamando turisti e sportivi da tutta la Sicilia“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona