Gargano (Uilca Sicilia): "Ancora sacrifici per i lavoratori della Sant'Angelo" :ilSicilia.it

Parla il segretario regionale del sindacato

Gargano (Uilca Sicilia): “Ancora sacrifici per i lavoratori della Sant’Angelo”

29 Settembre 2019

L’Azienda, attraverso un percorso difficile, aveva avviato già nel mese di gennaio 2019 una  trattativa con le Organizzazioni Sindacali attivando gli strumenti previsti dal Contratto Collettivo Nazionale di Categoria al fine di giungere a nuovi risparmi sul costo del personale.

Nel mese di luglio 2019 l’Azienda ha contrattato uscite di lavoratori tramite il Fondo di Solidarietà di categoria per l’accompagnamento alla pensione, giornate di solidarietà (non lavorate e non pagate), l’abbattimento del valore del buono pasto, la riduzione degli importi erogati in caso di missione ed una serie di trattamenti penalizzanti.

In modo del tutto inatteso, in un nuovo comunicato stampa della Sant’Angelo in data 1 agosto 2019, la Banca ha dichiarato che nel primo semestre 2019 per la BPSA “l’utile netto è tornato in segno positivo”, si legge in una nota della Uilca Sicilia.

Secondo Giuseppe Gargano, Segretario Generale Uilca Sicilia: “Qualcosa non quadra, da un lato si chiedono sacrifici al personale, e dall’altro si comunica il dato rassicurante di una banca che fa utili. Il nostro auspicio è che le banche regionali siano in salute, ed auguriamo alla BPSA di festeggiare un centenario – atteso per il 2020 – di grande successo. Al tempo stesso, manifestiamo perplessità sulla Banca Popolare Sant’Angelo, alla luce delle contraddizioni rilevate”.

Ancora Gargano: “Chiediamo con forza che la banca convochi i sindacati per rivedere o revocare i sacrifici precedentemente richiesti perché i comportamenti e le dichiarazioni della BPSA – letti tutti insieme – non sembrano affatto coerenti, soprattutto se consideriamo che gli assessment commissionati a società esterne, molto onerosi, li decide il Top Management; così come l’assunzione di Dirigenti da altre banche; senza considerare l’assenza di trasparenza sulle promozioni al personale, mai comunicate alle OO.SS. e pur richieste più volte”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.