Gasolio di contrabbando. Evadevano il fisco rivendendo il carburante "in nero" :ilSicilia.it
Catania

Agli indagati si contesta il reato di associazione a delinquere finalizzata al contrabbando di prodotti petroliferi

Gasolio di contrabbando. Evadevano il fisco rivendendo il carburante “in nero”

di
18 Gennaio 2017

Sono circa cento indagati, 14 agli arresti domiciliari e 15 obblighi di firma per una frode da 45 milioni di euro in materia di imposte dirette, Iva per circa 30 milioni di euro, accisa per circa 4 milioni di euro e Irap per oltre 1,5 milioni di euro. Sono le impressionati cifre dell’inchiesta della Procura di Catania il presunto contrabbando di oltre 1,2 milioni di litri di carburante. L’indagine della Guardia di finanza di Catania ha permesso di disarticolare un sodalizio criminale ramificato in Sicilia e Campania e di ricostruire l’intera filiera del carburante di contrabbando: dai depositi di carburante agricolo alle imprese petrolifere, di trasporto e di distribuzione, dai distributori stradali ai tecnici degli impianti. Una rilevante frode fiscale non limitata alle sole imposte. Controllando le aziende coinvolte la Guardia di finanza ha inoltre rilevato la sottrazione a tassazione di oltre 45 milioni di euro in materia di imposte dirette, Iva per circa 30 milioni di euro, accisa per circa 4 milioni di euro e Irap per oltre 1,5 milioni di euro.

Tra i 14 arrestati anche Sergio Leonardi ed Eugenio Barbarino che rivestivano il ruolo di promotori e organizzatori dell’associazione a delinquere; il primo è ritenuto il capo, colui che si sarebbe occupato delle ricerca di operatori commerciali compiacenti, il secondo è titolare della Petrol service di Catania. Oltre ai due anche Alessandro Primo Tirandi, titolare della Tiroil Srl di Catania, Damiano Sciuto, cognato di Leonardi e gestore “formale” di distributori stradali ricorrendo alla società cartiera campana “Gisape” amministrata effettivamente da Giuseppe Savino.

Secondo la ricostruzione della Guardia di finanza di Catania, gli indagati si rifornivano del carburante di contrabbando sia utilizzando gasolio agricolo prelevato da depositi ‘complici’ e poi ‘dirottato’ a veicoli non agricoli, sia utilizzando carburante per autotrazione che proveniva legittimamente da raffinerie e depositi commerciali, che veniva però commercializzato senza l’applicazione dell’Iva. Nel sistema era coinvolta anche una società ‘cartiera’ che, oltre a consentire il mancato versamento dell’Iva, era completamente sconosciuta al fisco.

In manette anche Salvatore Forte ed il padre Giuseppe, pensionato catanese, “broker” nel settore del “gasolio agevolato”; i due si sarebbero occupati delle forniture di carburante agricolo e della successiva cessione a clienti complici generalmente rappresentati da autotrasportatori. Nei confronti di altri 15 indagati è stata applicata la misura dell’obbligo di presentazione. Tra questi Salvatore Messina, vicino al clan Cappello, attualmente detenuto al 416 bis nel carcere di Caltanissetta.

Agli indagati è contestata l’associazione a delinquere finalizzata al contrabbando di prodotti petroliferi immessi nel mercato nazionale in evasione d’imposta (accise e iva), utilizzo ed emissione di fatture per operazioni inesistenti, falso ideologico, frode in commercio e turbata libertà del commercio. I particolari dell’operazione saranno resi noti durante una conferenza stampa che si terrà alle 10.30 nella sede del Comando provinciale della Guardia di finanza di Catania.

Il rifornimento di gas agricolo avveniva da un deposito di Scordia, in provincia di Catania, gestito dalla “G.P. carburanti dei F.lli Mauro e Augusto Pillirone”. Il carburante, mediante la presentazione di falsi libretti, veniva distratto dall’uso agricolo e poi venduto ad autotrasportatori attraverso rifornimenti abusivi effettuati in zone di sosta e capannoni. Il prodotto veniva anche prelevato direttamente da raffinerie in Sicilia e Campania, tramite le società “Comeco srl” di Siracusa e la “Petrol service S.a.s.” di Catania, e poi rivenduto senza l’applicazione dell’IVA al 21%.

La società campana “Gisape s.r.l.” amministrata formalmente da Luigi Barbato, emetteva poi false dichiarazioni d’intento. Il prodotto era però fittiziamente destinato all’estero ed esentasse quindi il carburante non lasciava mai la Sicilia, dove veniva messo in consumo attraverso i canali ufficiali di vendita utilizzando distributori stradali di carburanti a Catania e in provincia che lo rivendevano a ignari consumatori con normali prezzi di cartellino (quindi applicando l’IVA).

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin