Gela: gip Milano ordina imputazione di Crocetta per diffamazione :ilSicilia.it
Banner Bibo

Causa intentata dall’ex presidente Ance Sicilia, Pietro Di Vincenzo

Gela: gip Milano ordina imputazione di Crocetta per diffamazione

di
11 Giugno 2020

Imputazione coatta, per diffamazione, per l’ex presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta, autore del libro “E io non ci sto” edito da Longanesi.

L’ha ordinata ieri (10 giugno) il Gip di Milano, Alessandra Di Fazio, respingendo la richiesta di archiviazione avanzata dalla Procura ed accogliendo in toto la richiesta dell’ex presidente dell’Ance Sicilia, l’ingegnere Pietro Di Vincenzo che era assistito dall’avvocato Mirko La Martina.

Nel libro, nel capitolo “Un personaggio influente”, Crocetta raccontava che “Nel luglio del 2003, quando ero sindaco (di Gela ndr) da pochi mesi, ricevetti la telefonata di un operaio a me vicino del dissalatore di Gela, che mi chiese come mai l’ingegnere di Caltanissetta – Di Vincenzo, appunto – che aveva perso la gara bandita per la gestione dell’impianto, stesse ugualmente assumendo l’incarico” e poi, secondo il Gip di Milano insinuava “nel lettore la convinzione che la Di Vincenzo S.p.A. avesse partecipato alla gara di appalto per la costruzione e gestione del dissalatore di Gela, e non riuscendo a vincerla, avesse comunque, di lì a poco, ottenuto la gestione dell’ appalto dall’impresa che se l’era aggiudicato di diritto, la Holst Italia S.p.A. . Infine, che tale risultato fosse stato ottenuto attraverso il ricatto, l’inganno ed il malaffare”.

Il Gip ha ricostruito i fatti accertando che evinceva che la Di Vincenzo S.p.A. non aveva perso la gara di appalto per il dissalatore di Gela, perché non vi aveva mai partecipato; la cessione del ramo d’azienda alla Di Vincenzo era avvenuta ben 11 anni dopo quando alla fine dell’appalto mancavano 82 giorni.

Non si rinviene traccia del meccanismo illecito definito ‘al limite della turbativa d ‘asta’ descritto da Crocetta nel suo libro” scrive il Gip. Per questo il giudice delle indagini preliminari ha ordinato alla Procura di Milano di formulare, entro 10 giorni, l’imputazione per Crocetta.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin