Gela: l'area archeologica Monte Bubbonia abbandonata e saccheggiata :ilSicilia.it
Caltanissetta

la denuncia del professore Nuccio Mulè

Gela: l’area archeologica Monte Bubbonia abbandonata e saccheggiata

di
26 Maggio 2020

L’area archeologica di Monte Bubbonia, abbandonata a se stessa, continua ad essere saccheggiata dai tombaroli“.

L’allarme e l’invito a mobilitarsi, per salvare ciò che resta dopo le razzie di trafficanti, giungono dal professore Nuccio Mulè, storico, scrittore ed ex presidente dell’Archeoclub gelese.

Le vestigia ritrovate nella zona di Monte Bubbonia, a 25 km a nord di Gela, in territorio di Mazzarino, risalgono all’età del bronzo e riguardano un insediamento siculo identificabile con la città di Maktorion.

Una comunità, questa, successivamente ellenizzata dai coloni rodio-cretesi che fondarono Gela, come evidenziano i resti degli edifici sacri, le terrecotte architettoniche i corredi funerari e l’impianto urbanistico riportati alla luce dagli archeologi.

Dopo numerose campagne di scavi, promosse dalla soprintendenza di Caltanissetta, l’area è stata lasciata però senza vigilanza, forse per mancanza di fondi.

I tombaroli hanno perciò continuato per conto loro le ricerche clandestine – denuncia Mulè – utilizzando, indisturbati, persino piccoli escavatori a cucchiaio, come dimostrano i segni lasciati sul terreno nella necropoli alla ricerca di altre tombe da depredare, con buche ormai vuote che rendono la zona simile ad un’area devastata dai bombardamenti“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.