Gela, netturbini protestano sul cornicione per avere il lavoro :ilSicilia.it
Caltanissetta

Licenziati dall'impresa Tekra

Gela, netturbini protestano sul cornicione per avere il lavoro

di
28 Gennaio 2020

Proseguita per tutta la notte la protesta dei 18 operatori ecologici, licenziati dall’impresa Tekra dopo la conclusione del loro contratto a termine, che ieri sera sono saliti sul cornicione del municipio di Gela, minacciando di buttarsi nel vuoto, con l’obiettivo di ottenere un nuovo rapporto di lavoro a tempo pieno.

La zona è rimasta presidiata dalle forze dell’ordine, dal personale sanitario del 118 e dai vigili del fuoco che, a scopo precauzionale, hanno posizionato a terra un grande materasso gonfiabile. La contestazione non e’ stata concordata con le organizzazioni sindacali che non sarebbero state informate preventivamente.

Il sindaco Lucio Greco tenterà stamani di riprendere le trattative con lavoratori e azienda per una soluzione della vertenza. I dimostranti chiedono la convocazione delle parti dal prefetto, Cosima Di Stani.

Ma la Tekra sta operando a Gela di proroga in proroga per un appalto ormai scaduto da tempo. Tre gare, relative ad altrettanti nuovi bandi di affidamento del servizio, sono andate inspiegabilmente deserte.

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.