Gelarda contro Orlando: "Se il sindaco ama così tanto i migranti, li scoraggi dal venire a Palermo" :ilSicilia.it
Palermo

Su Facebook la posizione del consigliere comunale grillino

Gelarda contro Orlando: “Se il sindaco ama così tanto i migranti, li scoraggi dal venire a Palermo”

di
16 Ottobre 2017

Recente la dichiarazione del sindaco di Palermo Leoluca Orlando circa la gestione del fenomeno dei migranti, definita dal primo cittadino un sistema criminogeno.

Presenterò una denuncia alla Procura della Repubblica di Palermo nei confronti di questo ignobile mercato che riguarda gli Stati europei e l’Unione Europea”, ha annunciato Orlando.

Su questo tema interviene il consigliere comunale del M5s Igor Gelarda che su Faceboook scrive: “Concordo pienamente con lui, che la gestione dell’Unione Europea sia sbagliata. Ma, mentre da più parti si augura un sostegno vero a coloro che hanno il diritto d’asilo o possiedono altri requisiti per stare in Italia, (perché matematicamente e logicamente non possiamo assorbire all’infinito) Orlando si dichiara sindaco della capitale europea dell’accoglienza. E vorrebbe, con la Carta di Palermo, l’abolizione dei permessi di soggiorno ed una apertura a tutti gli stranieri. Indiscriminatamente. Giusto il sostegno a chi ha bisogno e massimo aiuto ai bambini ed ai minori veri. – aggiunge- Sappiamo, infatti, purtroppo che i mezzi tecnici che abbiamo non ci permettono di essere certi delle età di tantissimi giovani migranti, per i quali restano ragionevoli dubbi sul fatto che siano davvero minorenni“.

Qualche appunto non tarda ad arrivare. “La domanda vera – prosegue Gelarda su Facebook –  è: il sindaco non si rende conto della situazione in cui versa la città che amministra? Siamo la capitale europea della disoccupazione giovanile, e i nostri giovani vanno via in massa”.
Il primo cittadino – incalza il consigliere comunale –  continua dicendo che per lui non esistono migranti, e tutti quelli che arrivano a Palermo sono palermitani, dimenticando che forse ormai sono i palermitani a sentirsi migranti. Se non proprio apolidi. Ignorando che una comunità devastata dai drammi sociali non è pronta ad aprire le braccia. Non è il cuore che manca ai palermitani, non è il senso della solidarietà che manca a noi, manca il senso della misura a chi ci governa”. 

La conclusione nel post è affidata ad una provocazione. “Se il sindaco ama così tanto i migranti, li scoraggi dal venire a Palermo. Li indirizzi verso città dove la qualità della vita è decente e si può ipotizzare un futuro dignitoso per sé e le proprie famiglie”. 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin