Gelarda (Lega): "Tolleranza zero contro i saccheggi ma si aiuti chi ha bisogno" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

le parole del capogruppo del carroccio

Gelarda (Lega): “Tolleranza zero contro i saccheggi ma si aiuti chi ha bisogno”

28 Marzo 2020

“La disperazione e la depressione economica che sta colpendo tante famiglie del palermitano, ma la situazione è la stessa ovunque al sud, non giustifica assolutamente tentativi di saccheggio o istigazioni alla rivolta come quelle che sono avvenute in questi giorni a Palermo” dichiara il Capogruppo della Lega a Palermo Igor Gelarda. “Si dotino le forze dell’ordine di maggiori strumenti e intervenga anche l’esercito a pattugliare le strade. Tolleranza zero, la sicurezza è un bene troppo prezioso, e ancora di più in situazioni come l’attuale il cittadino deve sentirsi tutelato.
Questi sono episodi criminali intollerabili”.

“D’altra parte è vergognoso – prosegue l’esponente leghista – che le Istituzioni stiano abbandonando le tantissime famiglie che a Palermo, come in Sicilia, sono precipitate nella disperazione a causa della crisi per il coronavirus. Ci sono migliaia di persone per bene che non sanno più cosa mangiare, non saccheggiano e rispettano le regole e leggi e vanno assolutamente tutelate. Il comune di Palermo ha un bilancio traballante e pochissimo di utile potrà fare, mentre Caritas e Banco alimentare stanno già facendo quello che possono”.

“Solo un intervento immediato dello Stato e della Regione, per sostenere famiglie e imprese, potrà evitare che la situazione diventi ingestibile, specie in città come Palermo, dove già normalmente migliaia di persone vivono sotto la soglia di povertà. La Lega vuole risposte immediate e concrete per chi, a breve, non avrà più nulla da mangiare. Si investano soldi e si studi anche una soluzione, come ad esempio una Social Card temporanea, per fare fronte a questa emergenza”, conclude Gelarda.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.