Gelatini con ovetti kinder, arcano linguistico e facilità culinaria | LA RICETTA :ilSicilia.it

Una sfiziosa bontà

Gelatini con ovetti kinder, arcano linguistico e facilità culinaria | LA RICETTA

10 Agosto 2019

La lingua italiana è un arcano di una difficoltà incredibile che, forse, potrebbe spiegare il perché in pochi, oltre noi autoctoni, si avventurino a studiarla. Partiamo dal termine uovo, singolare e maschile, che al plurale diventa uova e, quindi, femminile. Di piccole dimensioni non si chiama, però, “uovetto”, ma “ovetto” e, al plurale, da uova non “uovette”, ma “ovetti“; passa, cioè, dal femminile al maschile, subisce una sorta di mutazione genetica e linguistica che fa confondere, ne sono sicura, pure l’Accademia della Crusca,  anche se non lo ammetterà mai.

Queste farneticazioni, che potrebbero sembrarvi dovute alla infernale calura o al mio neurone impazzito, nascono dalla ricetta che voglio darvi  e farà felici grandi e piccini. Ecco apparire al nostro orizzonte gli ovetti kinder che, oltre a essere buonissimi, uno chiama l’altro almeno per me, hanno all’interno un regalino, custodito in un contenitore giallo, che, ancora, mi emoziona; sono messa male, lo so, regressione in corso. Comunque, tornando a noi, la sorpresa che vi farò trovare sarà molto, ma molto più gustosa. Pronti a scoprirla?

Ingredienti per 4 persone:

  • 8 ovetti kinder (io ne farei pure 16)
  • mascarpone
  • panna montata
  • nutella
  • granella di pistacchi (Bronte o Raffadali)
  • bastoncini per gelato

Procedimento:

1. Dividete gli ovetti a metà, seguendo la linea che rende l’operazione molto facile.

2. In una ciotola mescolate (dosi a vostro piacimento, dovete assaggiare) mascarpone, panna montata, nutella. Amalgamate bene e spolverizzate con la granella di pistacchio, l’oro verde.

3. Riempite le metà degli ovetti, appoggiate il bastoncino e richiudeteli.

4. Fatto ciò, mettete nel freezer e lasciate riposare per 3 ore.

5. Per mangiare gli ovetti kinder con gelato, usciteli 5 minuti prima e assaporate queste piccole bontà.

La morbida sorpresa, all’interno, scioglierà anche i cuori più adulti, facendoli tornare bambini, e diventerà il vostro dolcetto preferito.

Buona e goduriosa degustazione. Provare per credere.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.