Gentiloni conferma il trio di sottosegretari siciliani | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Faraone lascia la "buona scuola" e passa alla Sanità

Gentiloni conferma il trio di sottosegretari siciliani

di
29 Dicembre 2016

Gentiloni conferma il trio siciliano di sottosegretari. La pattuglia rimane compatta. Erano tre e tre restano. Unico spostamento di rilievo per Davide Faraone. Lascia la delega all’Istruzione e passa ad occuparsi di Sanità. Dalla “buona scuola” alla corte di Beatrice Lorenzin.

giuseppe_castiglione_daticameraNessun cambiamento per Simona Vicari che mantiene l’incarico ai Trasporti e alla Infrastrutture e per Giuseppe Castiglione, confermato all’Agricoltura. Le nomine sono state ratificate oggi dal Consiglio dei Ministri, presieduto da Paolo Gentiloni. Il governo, dunque, ha scelto di mantenere immutato il peso specifico della componente siciliana nei sottosegretariati. Sulla scelta del Consiglio dei Ministri, dunque, non hanno influito le posizioni giudiziarie a carico di alcuni degli esponenti politici confermati. La più delicata è  la vicenda che riguarda Giuseppe Castiglione. L’esponente di Ncd è indagato dalla Procura di Catania per la vicenda del Cara di Mineo. Le indagini sono state chiuse a fine novembre. Quell’inchiesta è il filone siciliano di Mafia Capitale che vede al centro di tutto la figura di Luca Odevaine e un maxi appalto da 100 milioni, ai tempi finito sotto i riflettori dell’Anac, guidata da Raffaele Cantone. L’inchiesta conta  una decina di indagati ai quali sono contestatii, a vario titolo,  i reati di corruzione, finalizzata anche ad acquisire vantaggi elettorali, e turbativa d’asta.

Piccoli fastidi giudiziari, solo sul piano “contabile”,  anche per Simona Vicari. Nelle settimane scorse è stata condannata in appello dalla Corte dei Conti a risarcire il Comune di 5.534 euro per una vicenda che risale a quando era Sindaco del Comune di Cefalù. Secondo i giudici della Sezione giurisdizionale d’appello, l’ex primo cittadino avrebbe conferito un incarico di progettazione senza copertura finanziaria.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

La “Maleducazione 2.0”

Se è vero che i tempi cambiano, anche le cattive abitudini educative diventano tecnologiche e "2.0": anche la maleudcazione, insomma, diventa "moderna"...

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin