Gentiloni conferma il trio di sottosegretari siciliani | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Faraone lascia la "buona scuola" e passa alla Sanità

Gentiloni conferma il trio di sottosegretari siciliani

di
29 Dicembre 2016

Gentiloni conferma il trio siciliano di sottosegretari. La pattuglia rimane compatta. Erano tre e tre restano. Unico spostamento di rilievo per Davide Faraone. Lascia la delega all’Istruzione e passa ad occuparsi di Sanità. Dalla “buona scuola” alla corte di Beatrice Lorenzin.

giuseppe_castiglione_daticameraNessun cambiamento per Simona Vicari che mantiene l’incarico ai Trasporti e alla Infrastrutture e per Giuseppe Castiglione, confermato all’Agricoltura. Le nomine sono state ratificate oggi dal Consiglio dei Ministri, presieduto da Paolo Gentiloni. Il governo, dunque, ha scelto di mantenere immutato il peso specifico della componente siciliana nei sottosegretariati. Sulla scelta del Consiglio dei Ministri, dunque, non hanno influito le posizioni giudiziarie a carico di alcuni degli esponenti politici confermati. La più delicata è  la vicenda che riguarda Giuseppe Castiglione. L’esponente di Ncd è indagato dalla Procura di Catania per la vicenda del Cara di Mineo. Le indagini sono state chiuse a fine novembre. Quell’inchiesta è il filone siciliano di Mafia Capitale che vede al centro di tutto la figura di Luca Odevaine e un maxi appalto da 100 milioni, ai tempi finito sotto i riflettori dell’Anac, guidata da Raffaele Cantone. L’inchiesta conta  una decina di indagati ai quali sono contestatii, a vario titolo,  i reati di corruzione, finalizzata anche ad acquisire vantaggi elettorali, e turbativa d’asta.

Piccoli fastidi giudiziari, solo sul piano “contabile”,  anche per Simona Vicari. Nelle settimane scorse è stata condannata in appello dalla Corte dei Conti a risarcire il Comune di 5.534 euro per una vicenda che risale a quando era Sindaco del Comune di Cefalù. Secondo i giudici della Sezione giurisdizionale d’appello, l’ex primo cittadino avrebbe conferito un incarico di progettazione senza copertura finanziaria.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Merchandising: Fenomeno planetario, dove acquistare

Il mio primo acquisto di un articolo legato ad una serie tv o ad una saga cinematografica è avvenuto due decenni fa quando, trovandomi a Bologna a passare il capodanno da amici, andai a visitare un negozio del quale avevo sentito parlare tra gli appassionati di fantascienza.

Wanted

di Ludovico Gippetto

Nudité: una mostra fotografica che custodisce memorie altre

Si inaugura a Ragusa la mostra fotografica "Nudité - Il Giardino di Afrodite" a cura di Giuseppe Nuccio Iacono. La collettiva nasce dal lavoro del 1° Seminario della fotografia di Nudo nell’ottobre del 2019, in collaborazione con il Festival europeo del Nudo di Arles (Francia).

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin