Gestione idrica, sindaci in rivolta: "Aumenti in bolletta, cittadini scappano dalle periferie" :ilSicilia.it

Audizione in commissione all'Ars

Gestione idrica, sindaci in rivolta: “Aumenti in bolletta, cittadini scappano dalle periferie”

di
10 Aprile 2019

Una legge regionale che non tiene conto delle specificità dei territori e che comporterà l’aumento del costo del servizio idrico integrato, con rincari in bolletta. Questo l’allarme lanciato dai alcuni sindaci siciliani, con in testa il primo cittadino di Tusa, nel Messinese, Luigi Miceli, che domani 11 aprile sarà ricevuto in commissione Ambiente e Territorio all’Ars, dove presenterà alcune richieste di modifiche correttive alla norma.

A oggi il servizio idrico integrato, secondo quanto previsto dalla normativa nazionale, deve essere gestito in forma associata dai Comuni, per ambiti territoriali ottimali. Sono previste alcune deroghe per gli enti locali fino a mille abitanti e per quelli che hanno delle sorgenti idriche di particolare rilievo all’interno del loro territorio. I sindaci contestano la legge regionale che ha recepito in Sicilia la normativa nazionale: “L’errore della legge regionale 19 del 2015 è stato duplice – afferma Miceli – Gli ambiti territoriali sono stati individuati facendoli coincidere con il territorio delle province. Ma non può essere la modalità migliore quella di prevedere un ambito territoriale che, per esempio, va da Finale di Pollina a Corleone in provincia di Palermo o, in provincia di Messina, da Tusa a Taormina“.

Ma le obiezioni dei sindaci non finiscono qui: la legge regionale, infatti, prevede la gestione unica in ambito provinciale, appunto, ed esclude quella diretta da parte dei Comuni. “Ciò comporterà un aumento delle tariffe dovuto alla gestione della struttura – afferma Miceli –, perché l’Ati avrà un presidente, un cda e degli uffici. Inoltre è prevista la tariffa unica d’ambito: il cittadino di Tusa dovrà pagare quanto quello di Messina, che è una follia perché così si completa il processo di svuotamento delle aree territoriali periferiche“.

Insomma, l’allarme è quello di aumenti in bolletta per sostenere i costi di un sistema di gestione idrica che non piace agli amministratori locali dei Comuni di dimensioni minori: “Nei piccoli centri non ci sono grosse sacche di evasione – afferma Miceli –, mentre in quelli più grossi ci sono percentuali superiori. Dove va a finire il costo dell’ l’evasione? Nel piano finanziario, facendo pagare in bolletta ai cittadini. Abbiamo fatto un calcolo – prosegue il primo cittadino di Tusa –, nelle bollette ci sarebbero aumento a partire dal triplo dei prezzi“.

Ecco, dunque, che i sindaci porteranno in commissione all’Ars le proprie richieste, basandosi su una sentenza emessa dalla Corte costituzionale: il 4 marzo la Consulta ha dichiarato l’illegittimità della norma che non consente ai Comuni inferiori ai cinquemila abitanti di avere la facoltà di adesione a questi ambiti. “Sulla scorta di questa sentenza – afferma Miceli –, saremo auditi in commissione Ambiente e Territorio e chiederemo una modifica normativa alla legge regionale che attualmente prevede una deroga solo per i comuni fino a mille abitanti. Noi chiediamo, appunto, che sia estesa agli enti locali fino a cinquemila abitanti“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco