Gestione idrica, sindaci in rivolta: "Aumenti in bolletta, cittadini scappano dalle periferie" :ilSicilia.it

Audizione in commissione all'Ars

Gestione idrica, sindaci in rivolta: “Aumenti in bolletta, cittadini scappano dalle periferie”

di
10 Aprile 2019

Una legge regionale che non tiene conto delle specificità dei territori e che comporterà l’aumento del costo del servizio idrico integrato, con rincari in bolletta. Questo l’allarme lanciato dai alcuni sindaci siciliani, con in testa il primo cittadino di Tusa, nel Messinese, Luigi Miceli, che domani 11 aprile sarà ricevuto in commissione Ambiente e Territorio all’Ars, dove presenterà alcune richieste di modifiche correttive alla norma.

A oggi il servizio idrico integrato, secondo quanto previsto dalla normativa nazionale, deve essere gestito in forma associata dai Comuni, per ambiti territoriali ottimali. Sono previste alcune deroghe per gli enti locali fino a mille abitanti e per quelli che hanno delle sorgenti idriche di particolare rilievo all’interno del loro territorio. I sindaci contestano la legge regionale che ha recepito in Sicilia la normativa nazionale: “L’errore della legge regionale 19 del 2015 è stato duplice – afferma Miceli – Gli ambiti territoriali sono stati individuati facendoli coincidere con il territorio delle province. Ma non può essere la modalità migliore quella di prevedere un ambito territoriale che, per esempio, va da Finale di Pollina a Corleone in provincia di Palermo o, in provincia di Messina, da Tusa a Taormina“.

Ma le obiezioni dei sindaci non finiscono qui: la legge regionale, infatti, prevede la gestione unica in ambito provinciale, appunto, ed esclude quella diretta da parte dei Comuni. “Ciò comporterà un aumento delle tariffe dovuto alla gestione della struttura – afferma Miceli –, perché l’Ati avrà un presidente, un cda e degli uffici. Inoltre è prevista la tariffa unica d’ambito: il cittadino di Tusa dovrà pagare quanto quello di Messina, che è una follia perché così si completa il processo di svuotamento delle aree territoriali periferiche“.

Insomma, l’allarme è quello di aumenti in bolletta per sostenere i costi di un sistema di gestione idrica che non piace agli amministratori locali dei Comuni di dimensioni minori: “Nei piccoli centri non ci sono grosse sacche di evasione – afferma Miceli –, mentre in quelli più grossi ci sono percentuali superiori. Dove va a finire il costo dell’ l’evasione? Nel piano finanziario, facendo pagare in bolletta ai cittadini. Abbiamo fatto un calcolo – prosegue il primo cittadino di Tusa –, nelle bollette ci sarebbero aumento a partire dal triplo dei prezzi“.

Ecco, dunque, che i sindaci porteranno in commissione all’Ars le proprie richieste, basandosi su una sentenza emessa dalla Corte costituzionale: il 4 marzo la Consulta ha dichiarato l’illegittimità della norma che non consente ai Comuni inferiori ai cinquemila abitanti di avere la facoltà di adesione a questi ambiti. “Sulla scorta di questa sentenza – afferma Miceli –, saremo auditi in commissione Ambiente e Territorio e chiederemo una modifica normativa alla legge regionale che attualmente prevede una deroga solo per i comuni fino a mille abitanti. Noi chiediamo, appunto, che sia estesa agli enti locali fino a cinquemila abitanti“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.