Gestione rifiuti Palermo, approvato il nuovo regolamento. Arcoleo (Pd): "Previste nuove sanzioni e un ispettore ambientale" :ilSicilia.it
Palermo

La nuova figura collaborerà con la polizia municipale

Gestione rifiuti Palermo, approvato il nuovo regolamento. Arcoleo (Pd): “Previste nuove sanzioni e un ispettore ambientale”

di
8 Gennaio 2019

La commissione Affari Generali ha approvato il nuovo regolamento sulla gestione del servizio rifiuti a Palermo, adesso la parola passerà al Consiglio comunale.

rosario arcoleoCi attiveremo per accelerare il più possibile l’approvazione finale del provvedimento, in modo da consegnare alla città di Palermo uno strumento importante, per incrementare la raccolta differenziata, e favorire una collaborazione più incisiva tra pubblica amministrazione e cittadini” afferma il presidente della settima commissione, Rosario Arcoleo.

Il nuovo regolamento prevede l’introduzione della nuova figura dell’ispettore ambientale che collaborerà con i cittadini e con la Polizia Municipale.

Nella fase iniziale ne entreranno in servizio 50 – spiega Arcoleo – Il personale verrà messo a disposizione dall’Srr ex ‘Palermo Ambiente’ e dalla Rap. Queste nuove figure professionali attiveranno un filo diretto con la cittadinanza per informare l’utenza, sugli orari e le modalità di raccolta per ogni tipologia di rifiuto, oltre ad avere un ruolo di controllo e vigilanza sul rispetto del regolamento, segnalando la necessità di sanzioni su eventuali violazioni alla Polizia Municipale”.

Abbiamo sentito l’avvocato Fiorino, il legale incaricato dal Comune di stilare il regolamento per l’Ufficio Ambiente. In sinergia con l’Amministrazione abbiamo deciso di votare a maggioranza il provvedimento, con alcune modifiche proposte dalla Commissione che prevedono l’inasprimento delle multe da 25 a 150 euro, per i proprietari dei cani che non raccolgono gli escrementi lasciati per strada dai loro animali e per i non residenti, non titolari di utenza che portano i rifiuti in città” conclude Arcoleo.

La figura dell’ispettore ambientale  – si legge nel regolamento si inserisce nel’obiettivo dell’amministrazione comunale di pervenire, nella materia di gestione dei rifiuti, ad un potenziamento della vigilanza e della tutela ambientale nel proprio ambito territoriale, provvedendo a migliorare l’esercizio delle funzioni attribuite e ciò in aggiunta alla funzioni ed alle attività già svolte dal corpo di polizia municipale, il cui organico non consente, per esiguità di risorse interne ulteriori assegnazioni di personale ai nuclei che operano nella materia ambientale“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.