Gestiva traffico di droga dal carcere, sgominata organizzazione nel Catanese: ordinanza per 17 indagati GUARDA IL VIDEO :ilSicilia.it
Catania

IL FATTO

Gestiva traffico di droga dal carcere, sgominata organizzazione nel Catanese: ordinanza per 17 indagati GUARDA IL VIDEO

di
28 Giugno 2022

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Una presunta organizzazione accusata di gestire il traffico e lo spaccio di droga, in particolare marijuana e cocaina, a San Giovanni La Punta e nei vicini paesi etnei è stata sgominata dai Carabinieri del Comando provinciale di Catania. Militari dell’Arma hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Gip, nei confronti di 17 indagati. Tra i reati contestati, a vario titolo, anche l’associazione per delinquere.

Dalle indagini dei carabinieri della compagnia di Gravina di Catania, coordinate dalla Dda etnea, è emerso che il presunto promotore e organizzatore del traffico sarebbe stato un detenuto della casa circondariale di Caltagirone che comunicava con l’esterno grazie un telefono cellulare entrato illegalmente nel penitenziario. Secondo l’accusa l’associazione era capace di incassare oltre 10.000 euro a settimana dallo spaccio di marjuana e cocaina.

L’operazione, denominata Koala, ha fatto luce anche sui clienti del gruppo. Tra loro, è spiegato in una nota degli investigatori, ci sarebbero stati consumatori che erano percettori del reddito di cittadinanza e che, ricostruiscono i carabinieri, avrebbero usato anche soldi del sussidio per comprare la sostanza stupefacente. Tra i fornitori del sodalizio è emersa la figura di un incensurato, che ha un figlio detenuto ed in affari con il vertice dell’organizzazione criminale, e che, secondo l’accusa, avrebbe utilizzato i locali del Caf del patronato da lui gestito nel centro di Catania per effettuare le consegne della droga.

Nell’ambito dell’operazione Koala dei carabinieri il Gip ha disposto la custodia in carcere per 14 indagati, gli arresti domiciliari per uno e l’obbligo di dimora e di presentazione alla polizia giudiziaria per altri due. Al centro dell’inchiesta indagini di militari dell’Arma, da marzo a luglio 2021, avviate dopo l’arresto di Gaetano Rizzo che, sostiene la Procura di Catania, sebbene detenuto nel carcere di Caltagirone, con l’uso di telefoni cellulari, sarebbe riuscito a gestire il traffico di droga, dando disposizioni sullo spaccio e sull’acquisto delle forniture. Nella sua abitazione, dove continuava a vendere droga nonostante fosse ai domiciliari, i carabinieri avevano in passato sequestrato un manoscritto che conteneva verosimilmente la contabilità dell’associazione. L’indagine, basata anche su intercettazioni telefoniche ed ambientali, oltre che su videoriprese e pedinamenti, avrebbe fatto luce su un gruppo che lavorava secondo una precisa suddivisione dei compiti e orari e con una ‘cassa comune’. L’incasso sarebbe stato di circa 10.000 euro settimanali a fronte di un presunto approvvigionamento di 14.000 euro mensili di cocaina. La banda effettuava prevalentemente consegne a domicilio, utilizzando anche l’auto della compagna del Rizzo. Il sodalizio non si sarebbe limitato solamente alla cessione al dettaglio, ma sembra aver fornito sostanza stupefacente anche ad intermediari interessati allo smercio.

Dalle indagini dei carabinieri sarebbe emersa la presenza di stabili fornitori che, in tempi diversi, avrebbero approvvigionato il sodalizio: dapprima, secondo l’ipotesi investigativa da sottoporre ancora al contraddittorio delle parti, le sarebbero state effettuate da Daniele Carmelo Zappalà e, successivamente, da Salvatore Strano e da suo figlio Gioacchino, detto “Joy”. Il contatto con quest’ultimo sarebbe avvenuto durante un periodo di detenzione in comune tra lui e Rizzo. Sulla base dei risultati investigativi, attualmente sottoposti all’esame del Gip, per la Procura è possibile ipotizzare che Salvatore Strano abbia utilizzato i locali del Caf patronato dallo lui gestito per effettuare le consegne dello stupefacente. L’attività dei carabinieri ha permesso di sequestrare in flagranza di reato 110 grammi di cocaina e 750 grammi di marijuana.

© Riproduzione Riservata

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro